QUALI SONO LE FONTI DI ENERGIA
IDRAULICA

STAI CERCANDO UN'OFFERTA?
Seleziona la
tua fornitura
SCADE TRA
11:ore
58:min
22sec
I FORNITORI DI ENERGIA ELETTRICA RINNOVABILE IN ITALIA IDROGENO: CHE COS'È LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLA PROPRIA ABITAZIONE INCENTIVI AUTO ELETTRICHE COME FUNZIONANO I PANNELLI FOTOVOLTAICI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO: GUIDA ALLA SCELTA RISPARMIARE ENERGIA: ECCO COME FARE AUTO ELETTRICHE PRO E CONTRO QUALI SONO LE FONTI DI ENERGIA IDRAULICA QUALI SONO LE FONTI RINNOVABILI CLASSICHE LE POLITICHE ENERGETICHE DEL NOSTRO PAESE EFFICIENZA ENERGETICA CASA: È POSSIBILE MIGLIORARLA? INCENTIVI PANNELLI SOLARI: COME SI OTTENGONO? QUALI SONO LE FONTI RINNOVABILI NUOVE IL FOTOVOLTAICO IN ITALIA: PROFILO DELLA SITUAZIONE ATTUALE, DELLA PRODUZIONE E DEI CONSUMI EFFICIENZA ENERGETICA: PERCHÉ È IMPORTANTE QUALI IMPATTI AMBIENTALI HANNO LE FONTI RINNOVABILI? SCAMBIO SUL POSTO: COME FUNZIONA PANNELLO FOTOVOLTAICO: COME SCEGLIERLO? CLASSE ENERGETICA CASA: COSA SI INTENDE? EOLICO DOMESTICO 2020 L’AUTORITÀ DI REGOLAZIONE PER ENERGIA RETI E AMBIENTE ARERA: COS’È E QUALI SONO LE SUE COMPETENZE FOTOVOLTAICO: COME FUNZIONA? ATTESTATO PRESTAZIONE ENERGETICA: COME OTTENERLO? FONTI DI ENERGIA RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO: GLI INTERVENTI INCENTIVATI DALL'ECOBONUS 2020 ENERGIE RINNOVABILI: QUALI SONO E PERCHÉ SCEGLIERLE IMPIANTO FOTOVOLTAICO: CONVIENE? DIAGNOSI ENERGETICA: DI COSA SI TRATTA E CHI PUÒ FARLA PRO E CONTRO DELLE BIOMASSE INVERTER FOTOVOLTAICO TEGOLE FOTOVOLTAICHE: COME SCEGLIERLE IMPIANTO FOTOVOLTAICO: DA COSA DIPENDE IL RENDIMENTO? COGENERAZIONE: COS’È E COME FUNZIONA ENERGIA IDROELETTRICA IL GAS NATURALE: CARATTERISTICHE, COSTI E PRINCIPALI UTILIZZI INSEGUITORE SOLARE GUIDA AL FOTOVOLTAICO CARBON FOOTPRINT ENERGIA EOLICA ENERGIA SOLARE TERMICA ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI: COS'È? PANNELLI FOTOVOLTAICI: LE TIPOLOGIE IMPRONTA ECOLOGICA: COME CALCOLARLA E I CONSIGLI PER RIDURLA ENERGIA MAREOMOTRICE IL GENERATORE EOLICO L'AEEGSI DIVENTA ARERA, AUTORITÀ DI REGOLAZIONE PER ENERGIA RETI E AMBIENTE ARCHIVIAZIONE BOLLETTE: QUANTO TEMPO BISOGNA CONSERVARE LE RICEVUTE DI PAGAMENTO? Comunità energetiche rinnovabili: cosa sono e come funzionano le REC ENERGIA SOLARE CERTIFICAZIONE ENERGETICA: QUANTO COSTA? ENERGIA GREEN IN EUROPA: QUAL È LA SITUAZIONE DEGLI ALTRI PAESI? LO SMALTIMENTO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI TUTTI I COSTI DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO 6 KW: I PREZZI PER TIPOLOGIA IMPATTO AMBIENTALE DEL CONSUMO DI ENERGIA ELETTRICA EFFICIENTAMENTO ENERGETICO E RISPARMIO ENERGETICO: CHE DIFFERENZA C'È? PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI: COME FUNZIONANO? MICROMOBILITÀ ELETTRICA I COSTI DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 4 KW: PREZZI, TIPOLOGIE E DETRAZIONI FOTOVOLTAICO CON ACCUMULO ENERGIA EOLICA: LA SITUAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA ETICHETTA ENERGETICA DI SISTEMA: COME FUNZIONA MOBILITÀ ELETTRICA COSTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO GESTORI ENERGIA ELETTRICA A CONFRONTO TRANSIZIONE ENERGETICA RICARICA AUTO ELETTRICHE ENERGIA SOSTENIBILE SOLARE TERMODINAMICO A CONCENTRAZIONE L'ANDAMENTO DELLE RINNOVABILI IN ITALIA TEMPO DI RICARICA AUTO ELETTRICHE EFFICIENTAMENTO ENERGETICO: COS'È

Nella panoramica di una sempre più ampia sensibilità dell'opinione pubblica alle fonti rinnovabili, spesso sfugge la distinzione tra fonti rinnovabili classiche e nuove. Le prime, rappresentate dal settore idroelettrico e geotermico, rappresentano, in realtà, uno dei più antichi metodi di approvvigionamento e produzione dell'energia: anch'esse, tuttavia, al pari delle fonti "nuove" sono interessate da un processo di rinnovamento tecnologico molto importante.

Le fonti rinnovabili classiche

Come già anticipato, le fonti classiche sono sfruttate per la produzione di energia a vario titolo sin dai tempi antichi. In particolare, l'energia dell'acqua è da sempre stata utilizzata per diverse attività, come per l'azionamento meccanico dei mulini. Allo stesso tempo, l'energia geotermica e quella idraulica sono state tra le prima impiegate per la produzione di elettricità, già a partire dall’età industriale.

Nonostante il loro primato cronologico rispetto alle fonti rinnovabili di più recente introduzione, come l'eolico e il solare, le fonti classiche continuano a mantenere un discreto tasso di utilizzo, anche grazie all'impiego di nuove tecnologie nel loro sviluppo e utilizzo da parte dell'uomo. Peraltro, i minori costi complessivi legati al loro sfruttamento rendono queste fonti di energia particolarmente adatte per alimentare le esigenze energetiche dei paesi in via di sviluppo, dal momento che non necessitano di particolari investimenti o competenze tecnologiche specifiche, sia per la costruzione dei relativi impianti che per la loro manutenzione.

Oggi potremmo considerare classiche anche la produzione di energia elettrica tramite impianti eolici e solari. Infatti, la loro diffusione è considerevolmente aumentata, anche grazie al loro miglioramento, che li ha resi più funzionali ed efficienti. La particolarità di queste due fonti rinnovabili, soprattutto per quanto riguarda il solare, è che esistono impianti di dimensioni ridotte e installabili in edifici, pubblici o privati, permettendo ai cittadini di produrre energia elettrica in modo autonomo, anche se in quantità minori rispetto alle centrali.

Grazie alle migliorie tecniche e tecnologiche di questi sistemi è diventato possibile procedere con l’installazione domestica. L’efficacia di pannelli fotovoltaici o di impianti eolici domestici permette agli utenti di risparmiare e di utilizzare meno energia proveniente dalle centrali, spesso di origine ignota. Inoltre, queste installazioni hanno un impatto ambientale molto ridotto.

L'energia idroelettrica

Procedendo ad un esame più dettagliato della fonte rinnovabile storicamente più utilizzata dall’uomo, quella idroelettrica, si può cominciare mettendo in luce che questa forma di energia si ottiene sfruttando il potenziale delle masse d'acqua movimentate dalla gravità o convogliate in apposite opere costruite dall'uomo, grazie a dighe, chiuse, canali e ponti.

L'acqua, in entrambi i casi, viene diretta ad azionare il movimento meccanico delle turbine, il cui movimento rotatorio aziona gli alternatori: in questo modo l'energia potenziale dell'acqua in caduta o in movimento, convertita in energia meccanica nel momento in cui aziona le turbine, diventa energia elettrica.

Più nello specifico, lo sfruttamento dell’energia cinetica derivante dal movimento dell’acqua avviene in centrali apposite. Gli impianti idroelettrici sono costruiti con diversi meccanismi che inducono lo spostamento delle acque, come dighe e canali, che vengono poi utilizzati per azionare le turbine, collegate a un alternatore, in modo che l’energia prodotta venga trasformata in energia elettrica. In generale il funzionamento di queste centrali avviene secondo questi passaggi:

  • Fase 1: l’acqua viene raccolta in conche artificiali, presenti nelle dighe, dette anche bacini idroelettrici;
     
  • Fase 2: partendo da questi bacini, l’acqua viene direzionata a valle attraverso delle condutture apposite, nel quale raggiunge velocità molto elevate;
     
  • Fase 3: un sistema di turbine viene messo in moto dall’acqua proveniente dalle condutture e degli alternatori, ad esse collegati, trasforma l’energia cinetica dovuta al movimento delle turbine in energia elettrica.

La relativa semplicità di costruzione delle centrali idroelettriche spiega la loro enorme diffusione su tutto il pianeta: addirittura, in Italia, l'idroelettrico rappresenta circa il 15% della produzione nazionale di energia, confermando la sua importanza anche in materia di sviluppo sostenibile e eco-compatibile. Infatti, l'energia idroelettrica, dal punto di vista del processo produttivo e, soprattutto, delle emissioni derivate, è tra le forme di approvvigionamento energetico più pulite, con un tasso di rinnovabilità potenzialmente infinito.

Tuttavia, gli impianti a maggior efficienza comportano pur sempre un impatto ambientale, sotto forma di costruzione di dighe e chiuse che alterano irreversibilmente l’ecosistema. Il tasso tecnologico di questa fonte è giunto a livelli tali che negli ultimi anni si stanno studiando alcuni sistemi per impiantare centrali in mare, al pari delle centrali eoliche off-shore, per sfruttare l'energia idraulica proveniente dai moti ondosi delle correnti marine o delle maree: in questo caso, tuttavia, si parla non più di idroelettrico ma di energia mareomotrice.

L'energia mareomotrice

L’energia mareomotrice è, insieme all’energia idroelettrica, una tipologia di rinnovabile che – a seguito del rinnovato interesse verso queste fonti energetiche – sta riscuotendo un successo crescente. Con il termine mareomotrice si definisce la produzione di energia che sfrutta i naturali movimenti dell’acqua generati dalle maree, un fenomeno naturale che – ogni 28 giorni – si verifica per effetto gravitazionale del sole e della luna sulla Terra.

La produzione di energia mareomotrice avviene attraverso due modalità differenti:

  • Centrali mareomotrici: si tratta di sistemi a barriera, installati in mare aperto o anche lungo i fiumi. Il loro funzionamento si basa sullo spostamento orizzontale delle masse d’acqua, durante la fase di alta marea. Dei bacini, artificiali o naturali, raccolgono l’acqua che viene poi lasciata defluire durante la bassa marea, attraverso delle tubature che presentano delle turbine interne. Queste ultime sono collegate a generatori di corrente elettrica, che trasformano l’energia cinetica delle turbine, prodotta dalla pressione e velocità che l’acqua acquisisce passando per le condutture idrauliche. Il problema di questa tipologia di centrali è che nonostante utilizzino una fonte rinnovabile hanno un impatto ambientale elevato e un costo molto alto;
     
  • Idrogenatori: questo sistema è molto meno impattante delle centrali mareomotrici e ha un prezzo nettamente minore. Si tratta di turbine galleggianti, che possono essere poste in acque basse, in acqua alte o a mezz’acqua. La turbina si muove a causa delle correnti dell’acqua producendo così energia cinetica, che attraverso un alternatore viene convertita in energia elettrica. Il suo semplice funzionamento risulta comunque molto efficace, producendo all’incirca 3 kW di potenza elettrica per ogni metro quadrato d’acqua con una velocità di 3 m/s.

Negli ultimi anni la cura per l’ambiente è aumentata, portando anche a un’attenzione maggiore nei confronti dei processi di produzione dell’energia elettrica. Di conseguenza, lo sfruttamento dell’acqua e dei suoi movimenti è diventato sempre più importante. Per la salvaguardia del pianeta è necessario che tutti i processi siano sempre meno impattanti e, nonostante ci siano ancora molti passi da fare, il crescente utilizzo delle fonti di energia idraulica indica che l’industria dell’energia si sta muovendo nella giusta direzione.

LA TUA ENERGIA 100% GREEN.

Passa a Sorgenia e scopri l'offerta pensata su misura per te.

icona energia green

100% ENERGIA
DA FONTI RINNOVABILI

Paura dei rincari?  Con Next Energy 24 Luce&Gas blocchi il prezzo dell'energia per 24 mesi e hai 80€* di Buono Regalo Amazon.it
card amazon

Ancora per:

 
1635005539
2021-10-23 18:12:19

2021-10-24 00:00:00

* Restrizioni applicate. Vedere dettagli su: amazon.it/gc-legal Per ottenere il Buono Regalo Amazon.it, entro 90 giorni dalla sottoscrizione, verrà inviato via mail un codice da convertire su https://iltuoregalosorgenia.idea-shopping.it/welcome. Per maggiori informazioni leggi regolamento.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.
EFFICIENTAMENTO ENERGETICO E RISPARMIO ENERGETICO: CHE DIFFERENZA C'È?

I termini efficientamento energetico risparmio energetico individuano insiemi di interventi distinti, finalizzati a conseguire miglioramenti significativi per la gestione energetica dei fabbricati. Vediamo quali.

Leggi di più
SOLARE TERMODINAMICO A CONCENTRAZIONE

La necessità di sfruttare fonti rinnovabili per produrre energia elettrica è una delle grandi sfide dei prossimi anni. Ecco perché sempre più aziende si muovono in questa direzione.

Leggi di più
Hai altre domande? Chiedi al nostro consulente
operatore
logo sorgenia