LE COMUNITÀ ENERGETICHE IN ITALIA E I NUOVI SOSTEGNI ALLE AZIENDE

SCEGLI L'ENERGIA DEL SOLE E INIZIA A RISPARMIARE

Con Sorgenia progetti un impianto fotovoltaico su misura per la tua casa a partire da €5.800.  

Le comunità energetiche in Italia rappresentano un'avanguardia nel panorama delle energie rinnovabili grazie al loro caratteristico approccio più sostenibile e partecipativo alla produzione e al consumo di energia da fonti green. Grazie a un quadro normativo aggiornato e ai nuovi incentivi sbloccati dal Decreto CACER del MASE e dalle Regole Operative del GSE, le comunità energetiche in Italia stanno crescendo, offrendo non solo vantaggi ambientali, ma anche economici ai loro membri, creando nuove opportunità di investimento locale. 

A che punto sono le comunità energetiche in Italia?

In Italia il percorso delle comunità energetiche è ancora agli albori, ma si sta muovendo verso obiettivi ambiziosi e ben definiti. Lo scopo primario prefissato dall’investimento 1.2 all’interno della missione M2C2.1 è infatti quello di raggiungere entro giugno 2026, una capacità rinnovabile installata di almeno 2000 MW e una produzione annua di 2500 GWh

Al termine del 2022, secondo il rapporto trimestrale Energia e Clima in Italia del GSE, erano state registrate 46 configurazioni di autoconsumo collettivo e 21 comunità energetiche rinnovabili, per una potenza complessiva di 1,4 MW. Questi numeri, sebbene modesti rispetto agli obiettivi prefissati, rappresentano i primi passi di un cammino che si preannuncia ricco di sviluppi, specialmente sulla base  delle nuove misure di supporto e della cornice normativa più chiara e completa fornita dal Decreto Ministeriale CACER. 

Questa attenzione normativa e il sostegno economico previsto sono essenziali per accelerare la crescita delle comunità energetiche in Italia, rendendole pilastri fondamentali nella transizione energetica del Paese verso un futuro più sostenibile e inclusivo. 

Cosa sapere sul decreto CER

Il Decreto CACER, recentemente approvato dall’Unione Europea e pubblicato il 24 gennaio 2024, rappresenta un punto di riferimento nel percorso italiano verso la transizione energetica e lo sviluppo sostenibile. Si tratta di un importante provvedimento, annunciato proprio dal Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica, che inaugura un nuovo schema incentivante del valore di 5,7 miliardi di euro, volto a sostenere le nuove configurazioni di autoconsumo diffuso e le Comunità Energetiche Rinnovabili (CER).

Il decreto ministeriale stabilisce due strumenti principali, cumulabili tra loro, per incentivare queste nuove configurazioni dell'autoconsumo:

  • nuova tariffa incentivante per l'energia rinnovabile prodotta e condivisa, applicabile in tutto il territorio nazionale. Questa tariffa sarà applicata all’energia prodotta dagli impianti, immessa in rete e condivisa con i partecipanti consumatori della CER e si aggiunge al corrispettivo di valorizzazione ARERA, già in vigore, offrendo un incentivo economico diretto destinato alla Comunità Energetica Rinnovabile; 
  • contributo a fondo perduto che copre fino al 40% dei costi ammissibili per l'installazione di impianti rinnovabili. Questo contributo, finanziato dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), è rivolto in particolare alle comunità situate nei comuni con meno di 5mila abitanti, promuovendo così lo sviluppo delle energie rinnovabili anche nelle aree meno densamente popolate e potenzialmente più vulnerabili dal punto di vista energetico.

La collaborazione tra aziende e comunità energetiche per favorire la transizione energetica

A differenza di quanto si possa pensare il destinatario di questa agevolazione non è solamente il privato cittadino o la Pubblica Amministrazione, ma lo sono soprattutto le aziende. Infatti, il Decreto CACER offre alle aziende con disponibilità di copertura adeguata all’installazione di impianti fotovoltaici e una produzione di energia superiore alle proprie necessità di consumo un'opportunità unica di partecipazione attiva nel tessuto energetico sostenibile del Paese. 

Queste aziende possono diventare parte integrante delle Comunità Energetiche Rinnovabili (CER), mettendo a disposizione l'energia in eccesso generata dai propri impianti fotovoltaici e immessa nella rete. Ciò non solo consente loro di contribuire attivamente alla transizione energetica verso fonti più pulite, ma apre anche la porta a benefici economici aggiuntivi. 

Grazie agli incentivi previsti dal Decreto CACER per le energie rinnovabili condivise all'interno delle comunità, le aziende possono ottenere un beneficio economico addizionale rispetto a quello derivante dal semplice autoconsumo. 

Non solo vantaggi economici per le aziende

Il modello di collaborazione energetica offre alle aziende l'opportunità di posizionarsi come precursori nel campo della sostenibilità, promuovendo attivamente l'uso di fonti energetiche rinnovabili e contribuendo in modo significativo alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica. Attraverso la generazione e la condivisione di energia pulita, le aziende partecipanti non solo dimostrano un impegno verso la tutela ambientale, ma contribuiscono anche all'obiettivo globale di limitare il riscaldamento globale e mitigare i cambiamenti climatici.

Al di là dei benefici ambientali, l'adesione a una CER porta con sé un valore aggiunto di natura sociale. Le aziende che partecipano a queste iniziative rafforzano il proprio legame con la comunità locale, diventando un esempio di responsabilità sociale d'impresa e di impegno verso lo sviluppo sostenibile del territorio. Questo non solo migliora l'immagine e la reputazione aziendale ma favorisce anche la creazione di un ecosistema imprenditoriale più coeso e resiliente, capace di rispondere in maniera proattiva alle sfide ambientali e sociali del nostro tempo.

Integrare le pratiche sostenibili nel core business attraverso l’adesione a quanto previsto dal Decreto CACER permette alle aziende di anticipare le tendenze del mercato e le aspettative dei consumatori, sempre più orientati verso scelte consapevoli e rispettose dell'ambiente. Inoltre, l'investimento in energie rinnovabili e la condivisione delle risorse energetiche promuovono l'innovazione, stimolando la ricerca di soluzioni tecnologiche avanzate e sostenibili che possono tradursi in un vantaggio competitivo duraturo.

SCEGLI L'ENERGIA
DEL SOLE

Energia pulita, zero sprechi, meno costi

più autonomia Produci la tua energia
più risparmio Risparmia e investi sul futuro
più risparmio Fai la tua parte per il pianeta
più risparmio Stai sereno, in ogni situazione

Configura l'impianto fotovoltaico più adatto a te e comincia subito a risparmiare

**Sconto frazionato sulle bollette dei primi 12 mesi. Per maggiori informazioni leggi regolamento.

Oltre 500.000 clienti hanno scelto Sorgenia per Luce, Gas e Fibra
Vuoi scoprire le nostre offerte e ricevere il consiglio di un esperto?

Compila il form, ti ricontatteremo per darti tutte le informazioni che ti servono, gratuitamente e senza impegno.

Richiedi consulenza

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.

ALTRE GUIDE ENERGIA

Non hai trovato quello che cercavi?
Siamo qui per aiutarti