WEO: il World Energy Outlook

L' Agenzia Internazionale per l'Energia (AIE) pubblica regolarmente una serie di aggiornamenti relativi alle disponibilità energetiche attuali e future, alla sicurezza energetica e a tutto quanto rientra nel settore energia, dalle industrie all'ambiente, dai sistemi energetici classici a quelli rinnovabili. Nell'ultimo numero, del novembre 2017, il WEO ha evidenziato una serie di interessanti aspetti legati all'energia mondiale e, in particolare, a come le risorse di gas naturale possano essere, insieme alle fonti di energia rinnovabile, la chiave energetica per i mercati futuri. Negli ultimi tempi, infatti, accanto a un mercato di gas classico, ossia prettamente volto all'estrazione del metano, si è affiancata la produzione di gas scisto, soprattutto negli Stati Uniti e quella del gas naturale liquefatto (GNL), che hanno portato interessanti variazioni negli equilibri dei prezzi e delle risorse. Queste tre fonti energetiche naturali rappresentano sicuramente elementi di fondamentale importanza nell'ambito delle scelte sempre più green richieste dalle politiche odierne. Infine, accanto alle nuove fonti di gas, o meglio alle nuove modalità di utilizzo di varie tipologie di gas naturale, cammina di pari passo la ricerca tecnologica, per realizzare strumenti in grado di migliorare la diffusione dell'energia verde nei differenti contesti.
 

Il gas naturale e le fonti rinnovabili nel prossimo futuro
 

Secondo i dati e le analisi riportate sul World Energy Outlook , lo sviluppo delle nuove fonti energetiche permetterà di dare vita a nuovi scenari, che potranno essere valutati nel medio-lungo termine permettendo di ottenere differenti risultati e scenari a seconda delle modalità di investimento e degli approcci delle industrie del settore energetico. Nello specifico, il WEO evidenzia la possibilità di un incremento della richiesta e dell'utilizzo di gas naturale (nelle diverse forme) e di altre fonti green pari fino al 30% per i prossimi venticinque anni. Tale incremento sarà dovuto anche e soprattutto a un maggiore utilizzo di fonti rinnovabili da parte dei paesi emergenti, in particolare si pensi all'India e alla Cina. Proprio a questa nazione, la pubblicazione dell'Agenzia Internazionale per l'Energia dedica una particolare attenzione visto che la Cina al momento rappresenta uno dei principali consumatori mondiali di energia e, in particolare, è forse il paese che maggiormente punta a un utilizzo pulito delle fonti energetiche. Se la Cina, con il suo progredire nello sviluppo energetico, rappresenta un caso particolare, va tuttavia sottolineato che sono molte le nazioni che stanno puntando sempre di più sull'utilizzo di fonti rinnovabili e pulite, tanto che l'AIE ha voluto intitolare il numero di novembre 2017 del WEO "un mondo in trasformazione". Una trasformazione che è passata anche attraverso il fotovoltaico che ha visto un interessante incremento negli ultimi anni, complici anche le politiche di incentivazione atte proprio alla realizzazione di impianti solari. Come risultato, si prevede pertanto un graduale e continuo incremento delle richieste di fonti energetiche pulite, a discapito del carbone e dei prodotti petroliferi.
 

Energia verde ed elettricità
 

La sempre crescente attenzione sull'elettricità non è data solo dai consumatori, che puntano a controllare gli acquisti degli elettrodomestici scegliendo quelli a basso consumo ed alta efficienza per risparmiare sulla bolletta e assicurare un futuro migliore all'ambiente. Alla base dell'elettrificazione e dell'energia sostenibile, ossia della crescita dei consumi di energia elettrica e green a discapito dei prodotti petroliferi vi sono, naturalmente, l'industria e la tecnologia. Sempre di più, infatti, vengono immessi nel mercato motori elettrici anziché a combustione, impianti di climatizzazione che funzionano a energia verde, dispositivi smart per il controllo dei consumi e la gestione degli impianti e, soprattutto, veicoli elettrici. Le stime previste per il 2040 sono di circa 280 milioni di auto, moto e altri veicoli elettrici contro gli appena due milioni presenti oggi in circolazione. Naturalmente, non si deve pensare che la crescente proposta energetica green, sia essa relativa alla produzione di energia elettrica che di gas naturale, possa essere sufficiente a eliminare le fonti energetiche a carbone o a petrolio. E d'altro canto al momento le politiche economiche ed energetiche non stanno puntando all'eliminazione di queste due fondamentali e storiche fonti di energia, ma solo alla loro riduzione, per dare vita a una maggiore flessibilità e possibilità di scelta. La presenza di tecnologie elettriche e a petrolio paragonabili tra loro per efficienza e costi di produzione, infatti, rappresenta al momento il traguardo verso cui tendere, per un futuro energetico diverso e, sicuramente, sempre più tendente al green. Una scelta dettata anche dalla necessità di contrastare i cambiamenti climatici antropici e il sempre crescente inquinamento atmosferico.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.