PRIMA FORNITURA DEL GAS:
CON E SENZA IL CONTATORE

Disdetta canone Rai VOLTURA DEL GAS PREVENTIVO ALLACCIO GAS: ECCO COME RICHIEDERLO Fornitura energia elettrica: come scegliere in base al fabbisogno CONSUMO ENERGETICO: COME STABILIRE IL PROPRIO PROFILO LAMPADE A LED PER CASA: COME SCEGLIERLE Come attivare una nuova fornitura se il tuo contatore è stato chiuso RIMBORSO PER ERRORI DI FATTURAZIONE LUCE E GAS: COME RICHIEDERLO COME RISPARMIARE IN INVERNO CON I TERMOSIFONI Come si determina il costo dell'energia elettrica Deposito cauzionale: perché viene richiesto e a quanto ammonta? SCALDABAGNO ELETTRICO: PRO E CONTRO COME USARE LE VALVOLE TERMOSTATICHE Smc: cos’è e come si misura il consumo di gas? Contatore guasto: cosa fare in questi casi? PULIZIA DEI PANNELLI FOTOVOLTAICI IMPIANTO FOTOVOLTAICO: COME SCEGLIERLO VOLTURA: COS'E' E COME SI EFFETTUA Costo Allaccio Gas e Tempistiche di Realizzazione QUANDO SI CAMBIA FORNITORE SI RISCHIA L'INTERRUZIONE DELLA FORNITURA? CONSIGLI PER SCEGLIERE LA MIGLIORE TARIFFA GAS POD: cos'è, dove si trova e a cosa serve Sostituzione contatore del gas: come si effettua? ESENZIONE CANONE RAI PER PENSIONATI: QUANDO NON SI PAGA? COME FARE L'AUTOLETTURA GAS PDR: cos'è, dove si trova e a cosa serve Prima fornitura del gas con e senza il contatore: scopri le procedure ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA: COME OTTENERLO COME RICHIEDERE L'ALLACCIAMENTO GAS Come cambiare il contratto di fornitura elettrica: tempi e costi Voltura contratto Enel: come si fa CONSUMI ELETTRICI: SAI COME CALCOLARLI? Come passare da 3 a 4,5 o 6 kW di potenza CHIUSURA CONTRATTO GAS: ECCO COME EFFETTUARLA DOPPIA FATTURAZIONE LUCE E GAS: COME CHIEDERE IL RIMBORSO Cos'è il corrispettivo Cmor? COME SI MISURA IL GAS? LIBRETTO D’IMPIANTO GAS: COSA FARE IN CASO DI SMARRIMENTO Gas cosa fare in caso di perdite PREVENTIVI LUCE E GAS: ECCO COME EFFETTUARLI ONLINE LETTERA DI SOSTITUZIONE DEL CONTATORE DEL GAS: COME FUNZIONA? Disdetta luce e gas: ecco come effettuarla COME FARE L'AUTOLETTURA PER GAS E LUCE CONTRATTI LUCE E GAS NON RICHIESTI: COME DIFENDERSI? Conguaglio bollette gas: che cos’è e come si fa COME CAPIRE SE UN'OFFERTA LUCE E GAS È CONVENIENTE COME LEGGERE I CONTATORI GAS E LUCE Voltura della luce Come attivare una nuova fornitura COME MODIFICARE LA POTENZA IMPEGNATA INVERNO: COME RISPARMIARE SUI CONSUMI DI LUCE E GAS Cos'è e a cosa serve il numero cliente? SOSPENSIONE FORNITURA GAS SENZA PREAVVISO DISDETTA AGSM: COME FARLA

Quando si entra in una nuova abitazione, è importante stipulare un contratto di fornitura gas. Ma quali sono le procedure per procedere con l’attivazione e l’allacciamento del gas?

Stipulare un contratto con un'azienda fornitrice di gas per la propria abitazione prevede prassi differenti a seconda che ci si trovi a dover fare un allacciamento, una prima attivazione, una voltura oppure un subentro. Soffermiamoci sui due scenari inerenti alla richiesta di una prima fornitura, mettendo da parte quindi la voltura e il subentro, due opzioni che interessano esclusivamente chi in casa ha un contatore già attivo (voltura) o momentaneamente piombato (subentro). A seconda che nell'abitazione sia presente o meno un contatore e se l'impianto abbia mai erogato il gas oppure no, ci si può trovare a dover richiedere di fare un allacciamento o l'attivazione della prima fornitura.

L'allacciamento

L'allacciamento del gas consiste nel collegamento dell'abitazione alla rete di distribuzione, operazione che prevede anche l'installazione del contatore. L'allaccio viene eseguito direttamente da parte dell'azienda distributrice di gas operante sul territorio di residenza dietro esplicita richiesta dell'utente, il quale deve semplicemente inoltrare la domanda all'operatore prescelto. Per fare ciò è indispensabile che tutti i lavori in casa siano già stati eseguiti, rigorosamente da un tecnico abilitato a operare su impianti gas in abitazioni civili. Una volta pervenuta la richiesta, la società fornitrice provvederà a inviare al cliente la documentazione da compilare per poter procedere con la domanda di allaccio. Per fare ciò è fondamentale essere in possesso di tutti i dati relativi all'immobile e all'impianto, compresa la dichiarazione che ne attesti la regolarità e che deve essere in parte compilata direttamente dallo stesso installatore (Allegato I, "Attestazione di corretta esecuzione dell'impianto"), il codice PDR (cioè il "Punto di Riconsegna", usato per identificare il luogo geografico esatto della fornitura di gas) e la tipologia di fornitura richiesta (quindi acqua calda, riscaldamento, piano cottura). Nell'Allegato I, che come già detto deve essere compilato dall'installatore, occorre riportare lo schema dell'impianto e deve essere allegata la copia del certificato di conformità. Sono, poi, necessari ovviamente tutti i dati del richiedente, da inserire all'interno dell'Allegato H ("Conferma della richiesta di attivazione della fornitura gas"), quindi: nome, cognome, codice fiscale, indirizzo di residenza e recapito telefonico, corredati da una copia della carta d'identità e del codice fiscale. A seguito della normativa approvata nel 2014, quando si tratta di un allacciamento è dovere della società di distribuzione del gas procedere ai dovuti accertamenti, sia sull'impianto che su tutta la documentazione fornita dal richiedente, prima di accogliere la domanda. È bene precisare che tale prassi non riguarda solo l'installazione di un impianto e di un contatore, ma anche in caso di lavori di manutenzione straordinaria, di ampliamento oppure di spostamenti del contatore o della sua sostituzione, ossia tutte quelle opere che determinano l'interruzione dell'erogazione del gas. Una volta fornita la documentazione completa compilata e firmata, sarà poi premura del fornitore verificare la regolarità dell'impianto e la correttezza dei dati presenti nei moduli compilati dal richiedente. Se l'esito sarà positivo si procederà, quindi, con l'allacciamento del gas e l'attivazione del contratto, se invece risulteranno delle incongruenze o delle irregolarità il cliente dovrà provvedere alla risoluzione delle problematiche riscontrate e inoltrare una nuova domanda. Dato che le tempistiche tendono a essere piuttosto lunghe (possono infatti protrarsi anche per alcuni mesi) è consigliabile agire tempestivamente. Ultimo step dell'iter di allacciamento è la prova di tenuta, che viene effettuata successivamente all'attivazione della fornitura. In caso di esito positivo viene rilasciata una dichiarazione di conformità e l'utente può iniziare a utilizzare il gas, in caso contrario l'erogazione viene sospesa per consentire la risoluzione dei problemi ravvisati, solo in seguito sarà possibile presentare nuovamente la richiesta di allacciamento. 

Prima Attivazione

In questo scenario tutti i lavori all'impianto sono già stati effettuati e il contatore è già presente nell'abitazione ma non è mai stato utilizzato, una condizione tipica degli edifici appena costruiti. In tal caso il cliente deve fornire al distributore tutta la documentazione relativa al contatore, per dimostrarne la regolarità. Una volta scelto il gestore con cui si vuole stipulare il contratto di fornitura del gas, si può inoltrare la richiesta inviando alcuni documenti e compilando i già citati allegati G e I. Al fine di comprovare il regolare possesso dell'immobile e la sua idoneità urbanistica, deve anche essere compilato il modulo di dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, specificando il titolo in base a cui l'abitazione è stata costruita (ad esempio il numero della concezione edilizia) e indicandone i dati catastali. Per presentare la domanda per la prima attivazione occorre anche essere in possesso di: codice PDR, indirizzo della futura utenza e dati anagrafici dell'intestatario (nome, cognome e codice fiscale). Occorre inoltre indicare la tipologia di utilizzo del gas (acqua calda, cottura dei cibi, riscaldamento). Tutta la documentazione deve essere inviata alla società fornitrice entro 90 giorni a partire dalla richiesta effettuata. Se dall'esaminazione dei documenti non si ravvisano irregolarità, l'attivazione della fornitura avviene entro 10 giorni lavorativi, in caso di esito negativo, invece, il richiedente deve risolvere i problemi riscontrati e inoltrare di nuovo la domanda.

  

In entrambi i casi i costi dipendono dal distributore che opera sul territorio, ma generalmente ammontano intorno ai 40 €.
 

LA TUA ENERGIA 100% GREEN.

Passa a Sorgenia e scopri l'offerta pensata su misura per te.

100% ENERGIA
DA FONTI RINNOVABILI

Puoi risparmiare fino a 300€* e hai un Buono Regalo Amazon da 100€**
 
CALCOLA PREVENTIVO o Chiamaci Gratis 
800 920 960

*Risparmio annuo per Luce&Gas calcolato il 28/10/2020, per una famiglia tipo residenziale (potenza pari a 3kW, consumo medio pari a 2700 kWh/annui (energia) e 1400 sm3/annui (gas), sito nel comune di Milano e ipotizzando uguale consumo in ogni ora del giorno, come differenza tra la media della stima della spesa annua relativa a tutte le offerte contenute nel Portale Offerte di Acquirente Unico (www.ilportaleofferte.it/) e la stima della spesa annua relativa all’offerta Next Energy di Sorgenia.

** Restrizioni applicate. Vedere dettagli su: amazon.it/gc-legal Per ottenere il Buono Regalo Amazon.it, entro 90 giorni dalla sottoscrizione, verrà inviato via mail un codice da convertire su https://iltuoregalosorgenia.idea-shopping.it/welcome. Per maggiori informazioni leggi regolamento.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.
POD: cos'è, dove si trova e a cosa serve

Scopri cos’è il POD, dove si trova e a cosa serve per gestire il proprio contratto di fornitura elettrica.

Leggi di più
DOPPIA FATTURAZIONE LUCE E GAS: COME CHIEDERE IL RIMBORSO

Il cambio di fornitore e la doppia fatturazione

Leggi di più
Hai altre domande? Chiedi al nostro consulente
operatore