Il risparmio energetico è costituito una serie di abitudini e interventi volti a ridurre i consumi di energia derivanti dalle attività svolte all’interno degli ambienti, domestici e non.

Il risparmio energetico consente di risparmiare denaro poiché abbassa il costo della bolletta elettrica, ma soprattutto è un bene per l’ambiente in quanto è un insieme di attività svolte con l’obiettivo di utilizzare le risorse in modo razionale: c’è sempre più bisogno di attivare pratiche di risparmio energetico per una questione di riduzione del nostro impatto ambientale e sul clima, dal momento che i combustibili fossili spesso utilizzati producono grandi quantità di gas a effetto serra che hanno un impatto molto negativo sull’atmosfera.

Risparmio energetico 2020

Il risparmio energetico e le pratiche di efficienza energetica, associate all’utilizzo di fonti rinnovabili, possono garantire una maggiore tutela ambientale e, allo stesso modo, permetterci di risparmiare sensibilmente sulla bolletta di gas e luce. Per mettere in atto le attività propedeutiche al risparmio energetico è necessario effettuare una valutazione approfondita che, attraverso l’analisi dei fattori di produzione e consumo energetico, evidenzia le mancanze dal punto di vista dell’efficienza.

Tale valutazione è detta diagnosi energetica, e in base all’esito può essere necessario effettuare interventi di varia natura tra cui:

  • Adozione di moderne lampadine fluorescenti per l’illuminazione di ambienti domestici e lavorativi, da impiegare al posto delle lampadine incandescenti: infatti, con l’illuminazione fluorescente si adopera lo stesso livello di elettricità ottenendo lo stesso risultato. Anche dal punto di vista dell’illuminazione pubblica è bene adottare nuovi sistemi a led per garantire un risparmio energetico ai comuni e alle città;
     
  • Miglioramento dell’isolamento termico degli edifici: riscaldare le abitazioni e gli uffici è fonte di elevato dispendio energetico, soprattutto nel caso questi non siano stati realizzati con un buon isolamento termico che garantisce la conservazione del calore al loro interno. Effettuare interventi di manutenzione e miglioramento di tali sistemi comporta un notevole risparmio energetico, con conseguente tutela dell’ambiente e diminuzione dei costi.

Gli interventi sono soggetti al bonus risparmio energetico, volto a incentivare cittadini e imprese ad adottare pratiche per favorire l’efficienza energetica e contribuire così alla protezione ambientale. Le agevolazioni risparmio energetico cambiano di anno in anno in base alle indicazioni contenute nella Legge di Bilancio sulla legge risparmio energetico, ma sono solitamente costituite da una detrazione per risparmio energetico dall’Irpef.

Vediamo nel dettaglio in cosa consiste il bonus risparmio energetico 2020.

Detrazioni fiscali 2020 risparmio energetico

La detrazione risparmio energetico 2020 è stata confermata dalla Legge di Bilancio e consiste in una detrazione dall’Irpef - Imposta sul reddito delle persone fisiche - o dall’Ires - Imposta sul reddito delle società. Sono, infatti, previsti bonus per i lavori effettuati in casa per migliorare il risparmio energetico: uno di questi è l’Ecobonus, confermato anche per il 2020, che consiste in uno sconto pari al 50% o 65% sulla spesa per i lavori di miglioramento energetico.

La detrazione fiscale risparmio energetico del 65% è ripartita in 10 rate annuali dello stesso importo, mentre il tetto massimo di spesa varia a seconda della tipologia di intervento effettuato; le spese detraibili sono tutte quelle che riguardano i lavori per l’efficienza energetica, comprese quelle necessarie per la stesura del progetto di rifacimento impianti e isolamenti termici per le abitazioni. La detrazione energetica 2020 comprende l’IVA per i soggetti privati, sia per quanto riguarda la detrazione al 65% sia per quanto riguarda quella al 50%.

Andiamo adesso a considerare gli interventi domestici per risparmio energetico coperti dalle agevolazioni risparmio energetico 2020.

Risparmio energetico casa agevolazioni

Quali sono, dunque, gli interventi che godono degli incentivi risparmio energetico casa? Sono sicuramente coperti da detrazione fiscale le seguenti operazioni:

  • Miglioramento termico dell’abitazione domestica, quindi coibentazione degli ambienti, cambio di infissi e serrature e così via;
     
  • Installazione di pannelli solari per fornire energia in casa;
     
  • Installazione di impianti multimediali per il controllo del riscaldamento a distanza, quindi impianti di domotica domestica: questi devono consentire accensione e spegnimento a distanza e programmazione settimanale degli impianti, il controllo dei consumi energetici e mostrare la temperatura di regolazione;
     
  • Riqualificazione energetica globale;
     
  • Sostituzione impianti di riscaldamento;
     
  • Installazione di pompe di calore;
     
  • Acquisto e installazione di micro-cogeneratori o ibridi;
     
  • Installazione di schermature solari;
     
  • Rifacimento dell’impianto di riscaldamento con caldaie alimentate a biomassa.

Tuttavia, gli incentivi per l’efficienza energetica non sono rivolti solo ai possessori di prime e seconde case, ma anche alle imprese che desiderano migliorare la struttura della sede di lavoro rendendola più eco-sostenibile risparmiando sugli impianti di manutenzione ed eventuali interventi di sostituzione.

Percentuale risparmio energetico

Come abbiamo anticipato, le detrazioni per risparmio energetico 2020 possono essere del 50% o del 65% sui lavori di miglioramento dell’efficienza energetica di immobili per uso privato o aziendale; ma in base a quale criterio viene applicata l’una o l’altra percentuale?

Infatti, dobbiamo specificare che gli interventi di manutenzione e installazione di impianti non sono tutti soggetti alla stessa detrazione fiscale, ma si dividono fra quelli soggetti a un bonus energetico 2020 più o meno consistente. Vediamo dunque quali sono le attività coperte dalle diverse detrazioni.

Detrazione 50 per cento 2020

Ecco gli interventi che potranno beneficiare di detrazione fiscale dall’Irpef o dall’Ires del 50%:

  • Sostituzione di finestre e infissi con modelli di ultima generazione capaci di ridurre al minimo la dispersione di calore;
     
  • Installazione di schermature solari;
     
  • Acquisto e montaggio di caldaie a biomassa;
     
  • Installazione e manutenzione di caldaie a condensazione.

Detrazione 65 per cento 2020

Le operazioni per recupero energetico 2020 coperte dalla detrazione del 65% sono le seguenti:

  • Installazione di collettori solari per la produzione di acqua calda;
     
  • Installazione di pompe di calore;
     
  • Sistemi di building automation, quindi interventi di domotica abitativa;
     
  • Acquisto e montaggio di generatori ibridi, ossia quei generatori realizzati dall’integrazione tra una pompa di calore e una caldaia a condensazione;
     
  • Interventi di coibentazione dell’involucro opaco
     
  • Collocazione nell’abitazione di scaldacqua a pompa di calore.

Quello che non molti sanno è che, in aggiunta alle aliquote di detrazione del 50% e 65%, sono previste dalla Legge di Bilancio detrazioni dal 70% all’85% per interventi effettuati su parti comuni dei condomini: pertanto, se la vostra abitazione è inserita in un condominio e le attività di installazione o manutenzione da effettuare sono comuni a tutti i condomini, la spesa subirà una notevole riduzione grazie all’Ecobonus 2020.

Gli interventi coperti dalle detrazioni sono i seguenti:

  • 70%: coibentazione involucro condominio con superficie interessata maggiore al 25% della superficie disperdente;
     
  • 75%: coibentazione dell’involucro con superficie interessata maggiore al 25% più qualità media dell’involucro;
     
  • 80% e 85%: coibentazione involucro che preveda anche la riduzione 1 classe rischio sismico;

È importante sottolineare che il bonus vale per quelle spese che siano state sostenute dal 1° gennaio del 2017 al 31 dicembre 2021 aventi limite di spesa massimo di 40.000 euro - da moltiplicare per il numero di unità abitative di cui l’edificio è composto.

Come indicato dall’Ecobonus, nel caso gli interventi siano effettuati su abitazioni che appartengono a zone sismiche e abbiano il fine di ridurre il rischio sismico, la detrazione prevista è maggiore e arriva fino all’85%: anche il limite di spesa è maggiore e arriva fino a 136.000 euro (sempre da moltiplicare per il numero di unità familiari).

Bonus facciate 2020

L’Ecobonus fu rinnovato dalla Manovra finanziaria del 2019, e prorogato fino al 2021: pertanto, le aliquote differenziate al 50% e 65% sono confermate per il 2020 e 2021 per i lavori di miglioramento efficienza energetica.

Il Bonus verde, valido fino al 2019, è stato invece cancellato. Una novità introdotta è invece quella della riconferma del Bonus Facciate per il solo anno 2020, uno sgravio dell'Irpef valido per la ristrutturazione delle facciate esterne degli edifici privati pari al 90% della spesa sostenuta a partire dal 2019.

Il Bonus facciate 2020 potrà inoltre essere richiesto in concomitanza con l’Ecobonus 2020, poiché si può beneficiare di entrambe le detrazioni.

Guida risparmio energetico 2020: limiti di spesa detraibile

L’Ecobonus 2019, valido fino al 2021, ha introdotto numerose attività, inerenti in particolare alla percentuale di detraibilità delle spese per manutenzione e installazione al fine di aumentare l’efficienza energetica delle abitazioni; tuttavia, un ulteriore cambiamento riguarda l’importo massimo di spesa ammessa, che è calcolato ovviamente in relazione alla tipologia di intervento realizzato.

I limiti di spesa detraibile sono:

  • 100.000 euro per interventi di riqualificazione energetica generale;
     
  • 60.000 euro per interventi che incidono sull’involucro degli immobili;
     
  • 30.000 euro per sostituire gli impianti di riscaldamento con impianti moderni con caldaie a condensazione, impianti geotermici e pompe di calore altamente efficienti;
     
  • 60.000 per installare pannelli solari per produrre acqua calda - usi domestici o industriali - e per coprire il fabbisogno di acqua calda in piscine, impianti sportivi, case di riposo, edifici scolastici e università private.

Gli incentivi risparmio energetico 2020 permettono ai contribuenti di scegliere se applicare lo sconto relativo alla detrazione fiscale direttamente sulla spesa sostenuta per gli interventi di riqualificazione energetica: in questo modo, saranno le imprese ad applicare lo sconto in fattura e anticipare le spese per conto dello Stato, andando poi a recuperarle tramite compensazione con modello F24 nel corso di 5 anni.

Cittadini e imprese potranno richiedere di beneficiare delle detrazioni fiscali previste dall’Ecobonus inviando all’ENEA - Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile - i dati anagrafici del beneficiario, le informazioni sull’immobile su cui è stato effettuato l’intervento e la tipologia di intervento messo in atto.

Per beneficiare delle detrazioni è obbligatorio comunicare all’ENEA l’entità delle spese effettuate per la riqualificazione energetica del proprio immobili entro 90 giorni dalla fine dei lavori sostenuti.

N.B. Fonti: I contenuti pubblicati nel presente articolo sono liberamente reperiti online su portali d’informazione come arera.it, servizioelettriconazionale.it ed i principali organi d'informazione giornalistici.

Il presente documento è aggiornato al 28 novembre 2019.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.