Ho ricevuto una lettera da parte del mio distributore locale di gas: si dice che è in programma la sostituzione del vecchio contatore meccanico .

Come funziona? Che devo fare?

Iniziamo col dire che questa operazione di sostituzione dei contatori è in tutto e per tutto analoga a quella, di qualche anno fa, relativa ai contatori dell’energia elettrica. È il momento di sostituire i vecchi elementi con strumenti nuovi, elettronici.

Cosa c'è scritto sulla lettera di avviso?

La lettera inviata agli utenti deve indicare la data e la fascia oraria in cui è previsto l'intervento del tecnico presso l'abitazione dell'utente. All'utente deve essere garantito un preavviso di almeno 10 giorni dalla data dell'intervento. È obbligatorio che l'utente, o un suo delegato, sia presente al momento della sostituzione: sia per la sottoscrizione del verbale di intervento, sia perché spesso il contatore è all'interno dell'abitazione.

E se non posso essere presente in quella data?

La lettera deve riportare anche le indicazioni da seguire, e il numero di telefono da contattare, nel caso in cui l'utente avesse necessità di spostare l’appuntamento. Il nuovo intervento va richiesto entro 2 giorni lavorativi dalla data prevista, per dare la possibilità ai tecnici di riprogrammare le loro attività.

Chi verrà a fare l'intervento?

Un tecnico incaricato dal distributore di gas locale si presenterà a casa degli utenti per effettuare l’intervento. È previsto che questo tecnico sia sempre munito di un tesserino di riconoscimento che riporta il nome della società per cui opera. Il tecnico non deve essere assolutamente pagato nè ha bisogno di avere accesso alle vecchie bollette o ad altri dati o informazioni. Attenzione, quindi, ai falsi tecnici.

In che cosa consiste l'intervento?

Nel momento in cui il tecnico inizia le operazioni, per la vostra sicurezza e incolumità, sospende l'erogazione del gas. Procede, quindi, a staccare il vecchio contatore e ad installare il nuovo. Terminata la procedura ed eseguiti alcuni controlli, l'erogazione di gas viene riaperta. L’intervento di sostituzione dura, al massimo, 2 ore. Alla fine del lavoro, verrà chiesto all’utente di firmare un verbale sul quale sarà trascritta l'ultima lettura del vecchio contatore. Questo è un momento molto delicato: meglio prestare molta attenzione per evitare errori e vedersi addebitato un maxi conguaglio in bolletta. Qualcuno suggerisce, anche, di fotografare la lettura del vecchio contatore prima che sia portato via dal tecnico.

Chi sostituisce i contatori?

I contatori sono elementi che fanno parte della rete di distribuzione del gas e non sono proprietà dell'utente. Sono proprietà dei distributori nazionali: questi soggetti sono diversi dai fornitori di gas del mercato libero. I distributori del gas non sono scelti dal cliente, ma sono le società che possiedono le reti, i gasdotti: tra le principali in Italia citiamo Eni, Snam rete gas, Italgas, Acea, A2A ma ci sono anche piccoli distributori locali. Sono loro ad avere l'onere di effettuare le sostituzioni dei contatori.

Bisogna pagare per la sostituzione?

Non bisogna pagare nulla all'incaricato che verrà a casa a sostituire il contatore meccanico, e nulla sarà addebitato in bolletta per questa operazione. Non si può dire, però, che sia un'operazione completamente gratuita: da sempre nelle fatture del gas sono addebitati, a tutti gli utenti, degli oneri che coprono il costo del contatore e del trasporto del gas fino alla propria abitazione. E questi oneri saranno addebitati e dovuti anche in futuro.

Perché si sostituiscono i contatori?

I vecchi contatori misurano la quantità di gas che viene erogata presso una casa con un metodo meccanico. Sono, infatti, delle rotelle meccaniche quelle che fanno scorrere i numeri per la misurazione. Per leggere questi numeri è necessario che ci sia qualcuno che acceda al contatore e riporti su un registro il numero che vede. La persona che deve fare questa operazione può essere il cliente (con auto-lettura) o un delegato del distributore, che per legge dovrebbe farlo almeno una volta all'anno. E' evidente che tutto questo, oltre a poter essere oggetto di errore di trascrizione, non consente una misurazione delle quantità di gas in tempo reale.

Come funzioneranno i nuovi contatori?

I nuovi contatori funzioneranno elettronicamente: saranno alimentati da una batteria e attraverso una tecnologia simile alla SIM, trasferiranno i dati alle centrali. Questo consentirà letture più frequenti e più corrette. A beneficio degli utenti che pagheranno ogni mese (o ogni bimestre a seconda del tipo di contratto) esattamente la quantità di gas che hanno consumato. Addio, quindi, ai consumi stimati e ai conguagli annuali.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.