CANONE RAI: PERCHÉ LO SI PAGA
NELLA BOLLETTA DELLA LUCE?

AUMENTO DI POTENZA COATTO: QUANDO AVVIENE E PERCHÉ L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS: RUOLO E FUNZIONI ELETTRICITÀ L’ANDAMENTO DEL MERCATO NEL SETTORE ELETTRICO: STRUTTURA, PREZZI E QUALITÀ FASCE ORARIE DI CONSUMO: COME VARIA IL COSTO DELL’ENERGIA ELETTRICA PRINCIPALI COMPAGNIE ELETTRICHE IN ITALIA CONFRONTO TARIFFE ENERGIA ELETTRICA 6 KW, IL COMPARATORE DELL’AUTORITÀ I PREZZI LUCE IN ITALIA E ALL'ESTERO ENERGIA ELETTRICA: LA TARIFFA TD DAL 1 GENNAIO 2017 BOILER ELETTRICO: COME RISPARMIARE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL CONTRATTO DI FORNITURA ENERGETICA LA BOLLETTA DELL’ENERGIA ELETTRICA LE VARIABILITÀ DELLE QUOTAZIONI DELL’ENERGIA FABBISOGNO ENERGETICO: COME DETERMINARE QUELLO DELLA PROPRIA FAMIGLIA OFFERTE LUCE TUTELA SIMILE: COSA SONO E COME FUNZIONANO DIFFERENZA TRA FORNITORE E DISTRIBUTORE ENERGETICO ACCISE ENERGIA ELETTRICA: COME LE IMPOSTE INCIDONO SUL PREZZO DELL'ELETTRICITÀ LAMPADINE A LED: COME SCEGLIERE LE MIGLIORI LE IMPOSTE SULLA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA COME RISPARMIARE L'ENERGIA ELETTRICA IN CASA COSTO KWH: PREZZO DELL’ELETTRICITÀ IN ITALIA E IN EUROPA – SORGENIA ALLACCIO LUCE COS'È E A QUALE FORNITORE AFFIDARSI IL CONTATORE SALTA SPESSO: COME MAI? QUALI ELEMENTI PRENDERE IN CONSIDERAZIONE PER LA SCELTA DEL GESTORE LUCE? GLI ELEMENTI DA CONFRONTARE PER SCEGLIERE LA MIGLIOR TARIFFA LUCE QUAL È LA DIFFERENZA TRA POTENZA IMPEGNATA DEL CONTATORE E POTENZA DISPONIBILE? ADR: COME RISOLVERE LE PROBLEMATICHE RELATIVE AL CONTRATTO DI FORNITURA ENERGETICA COSTO DEL KWH IN ITALIA E EUROPA TARIFFE ELETTRICITÀ: MEGLIO MONORARIA O BIORARIA? CANONE RAI: QUANDO E COME SI PAGA ALLACCIO LUCE: TEMPI E MODI PUN: COS'È E COME DETERMINA IL COSTO DELL'ELETTRICITÀ FORNITURA ENERGIA ELETTRICA CONTRATTO LUCE: È POSSIBILE CAMBIARE FORNITORE SU INTERNET? CALCOLO DEL CONSUMO ELETTRICO: COME E PERCHÉ FARLO PRIMA DI SCEGLIERE L'OFFERTA ADATTA A TE PERDITE DI RETE NELLA BOLLETTA ELETTRICA TARIFFA MULTIORARIA: A CHI CONVIENE QUESTA SOLUZIONE PER LA FORNITURA DI ELETTRICITÀ ALLACCIAMENTO LUCE: ECCO COME RICHIEDERLO CORRETTAMENTE COSTO KWH INDUSTRIALE CANONE RAI IN BOLLETTA: COME FUNZIONA MERCATO ELETTRICO: COME FUNZIONA QUAL È LA GIUSTA POTENZA DISPONIBILE PER IL CONTATORE DELLA LUCE? RINCARI ENERGIA: COME SFUGGIRNE DISTRIBUTORI DI ENERGIA: QUALI SONO LE LORO FUNZIONI COSTO MEDIO UNITARIO MATERIA ENERGIA: COS’È E COME SI CALCOLA CANONE RAI: PERCHÉ LO SI PAGA NELLA BOLLETTA DELLA LUCE? DIRITTO DI RIPENSAMENTO CONTRATTO LUCE: COS'È E COME FUNZIONA INTERRUZIONE ELETTRICITÀ: COME FUNZIONA IL RISARCIMENTO

Il Canone Rai , ossia l'imposta prevista sul possesso di apparecchi televisivi o sul possesso di tutti gli altri apparecchi che consentono di ricevere radioaudizioni televisive sul territorio italiano, a seguito dell'approvazione della Legge di Stabilità 2016 rientra in maniera diretta all'interno della bolletta relativa al consumo dell'energia elettrica. Questo evento è stato applicato sul presupposto ipotetico che ciascun titolare di un'utenza per la fornitura di energia elettrica detenga almeno un apparecchio che consente la visione di trasmissioni televisive.

Naturalmente coloro i quali non detengono alcuna apparecchiatura di questo genere potrà richiedere l'esonero dal pagamento del Canone Rai, seguendo le modalità previste dalla normativa vigente, ossia compilando un auto-dichiarazione che dovrà essere trasmessa direttamente all'Agenzia delle Entrate. Prima dell'entrata in vigore della Legge di Stabilità 2016, il Canone Rai veniva pagato dal possessore di apparecchi televisivi mediante bollettino postale. Tale modalità, però, ha comportato alla creazione di un elevato numero di ''evasori'', che ha costretto il governo ad agire in maniera differente rispetto a quanto previsto dalla Legge n. 880/1938. Tra gli apparecchi che rientrano nel presupposto del pagamento del Canone Rai, non rientrano né i personal computer né i tablet, in quanto essi non ricevono un segnale terrestre o satellitare, bensì un segnale internet.

Sin dal 1938, anno in cui il Canone Rai nasce, il governo fissa l'utilità di tale versamento, definendola come imposta e non come tassa, in quando destinata ad incrementare il Bilancio dello Stato. Ed è proprio lo Stato che beneficia di questo versamento da parte di ogni titolare di utenza per la fornitura di energia elettrica e non, come fa intendere il nome, la società televisiva Rai. Proprio per questo motivo sarebbe più corretto parlare come imposta per il possesso di apparecchiature per la visualizzazione di programmi televisivi.

Nel 2016 il Canone Rai è diminuito di 15,50 Euro rispetto all'anno precedente, arrivando a quota 100,00 Euro, ed è previsto un ulteriore ribasso a partire dal 2017, quando il Canone Rai raggiungerà la cifra di 90,00 Euro annuali. Tale cifra dovrà essere pagata con una contribuzione di tipo mensile, corrispondente a 9,00 Euro mensili, o 18,00 Euro bimestrali, per dieci mesi all'anno, o cinque bimestri.

La Legge di Stabilità 2016 ha inoltre individuato tutti i soggetti che risultano essere esenti dal pagamento del Canone Rai. In primis, vi sono tutti i titolari di utenza per la fornitura della corrente elettrica che abbiano superato i settantacinque anni di età e che dispongano di un reddito annuale non superiore agli 8.000 Euro. In secondo luogo vengono esonerati dal pagamento del Canone Rai tutti i militari appartenenti alle Forze Armate Italiane e solamente in relazione agli apparecchi detenuti in luoghi per la visione televisiva collettiva, ma anche tutti i militari appartenenti alla Nato. Infine vengono esonerati gli agenti diplomatici, i proprietari di imbarcazioni per scopi non commerciali e i rivenditori di apparecchi televisivi, che esercitano in maniera regolare la propria attività.

Naturalmente il Canone Rai è unico per tutti gli immobili posseduti. Non dovranno essere versate imposte relative al pagamento del Canone Rai sulla seconda casa o su altri immobili posseduti. La società fornitrice dell'energia elettrica, come ad esempio Sorgenia, indicherà specificatamente all'interno della bolletta la dicitura relativa al pagamento del Canone Rai solamente nell'immobile indicato come residenza demografica dal titolare dell'utenza.

Potrà essere richiesto un esonero dal pagamento del Canone Rai solamente se il titolare dell'utenza dell'energia elettrica rientra nei casi di esonero previsti dalla Legge di Stabilità 2016. Viceversa, potrà essere richiesto l'esonero anche per coloro i quali dichiarano di non possedere apparecchi che consentono la visione di programmi televisivi. Per farlo, come già detto in precedenza, sarà necessario realizzare un auto-dichiarazione, nella quale dovranno essere indicati tutti i dati sensibili del titolare dell'utenza, ma anche i dati relativi alla residenza e quelli relativi all'utenza posseduta. Tale auto-dichiarazione dovrà essere presentata presso l'Agenzia delle Entrate. Bisogna ricordare che la società energetica darà per scontato il possesso di un qualsiasi apparecchio televisivo all'interno del domicilio, e pertanto spetta al titolare dell'utenza muoversi in prima persona per evitare di pagare il Canone Rai non dovuto. Tale auto-dichiarazione dovrà essere presentata ogni anno, in quanto essa risulta valida solamente per l'anno di presentazione.

Se il titolare dell'utenza, infine, procede al versamento del Canone Rai, anche se lo stesso non risulta dovuto, in quanto non è presente all'interno della residenza alcun apparecchio televisivo o in quanto il titolare rientra nei casi di esonero previsti dalla Legge di Stabilità 2016, allora lo stesso titolare potrà richiedere un rimborso per l'erroneo versamento effettuato. La richiesta del rimborso dovrà essere presentata entro il 30 giugno successivo all'anno di pagamento, e dovrà essere rivolta non all'Agenzia delle Entrate, bensì alla società fornitrice dell'energia elettrica, la quale dovrà impegnarsi a restituire al titolare il denaro versato per il pagamento del Canone Rai non dovuto, nella prima bolletta utile.

LA TUA ENERGIA 100% GREEN.

Passa a Sorgenia e scopri l'offerta pensata su misura per te.

100% ENERGIA
DA FONTI RINNOVABILI

Puoi risparmiare fino a 300€* e hai un Buono Regalo Amazon da 100€**
 
CALCOLA PREVENTIVO o Chiamaci Gratis 
800 920 960

*Risparmio annuo per Luce&Gas calcolato il 28/10/2020, per una famiglia tipo residenziale (potenza pari a 3kW, consumo medio pari a 2700 kWh/annui (energia) e 1400 sm3/annui (gas), sito nel comune di Milano e ipotizzando uguale consumo in ogni ora del giorno, come differenza tra la media della stima della spesa annua relativa a tutte le offerte contenute nel Portale Offerte di Acquirente Unico (www.ilportaleofferte.it/) e la stima della spesa annua relativa all’offerta Next Energy di Sorgenia.

** Restrizioni applicate. Vedere dettagli su: amazon.it/gc-legal Per ottenere il Buono Regalo Amazon.it, entro 90 giorni dalla sottoscrizione, verrà inviato via mail un codice da convertire su https://iltuoregalosorgenia.idea-shopping.it/welcome. Per maggiori informazioni leggi regolamento.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.
PRINCIPALI COMPAGNIE ELETTRICHE IN ITALIA

In preparazione alla liberalizzazione del mercato, i consumatori hanno la possibilità di individuare il proprio fornitore in base alle abitudini di consumo e al fabbisogno energetico della propria abitazione. Ecco presentate alcune delle numerose compagnie elettriche in Italia tra le quali è possibile scegliere.

Leggi di più
ELETTRICITÀ

Tutti, o quasi, gli oggetti che ci accompagnano nella nostra quotidianità hanno bisogno dell’elettricità per funzionare.

Leggi di più
Hai altre domande? Chiedi al nostro consulente
operatore