Come scegliere la migliore fornitura gas? Tutte le informazioni utili

Fornitura gas: come scegliere la migliore?

Risparmia ora



Da quando si è avuto il parziale passaggio al mercato libero è diventato possibile scegliere un fornitore di gas tra i diversi che operano nel mercato. Tuttavia, non sempre è semplice poter effettuare tale selezione visto che le proposte e le tariffe sono veramente molte e, spesso, anche simili tra di loro. Per questo motivo, prima di optare per un fornitore è importante valutare una serie di informazioni, sia relative al tipo di contratto che si intende stipulare, sia relative ai propri consumi di gas. Infatti, va subito sottolineato che non esiste una tariffa che possa essere considerata migliore in assoluto. Ogni tariffa può essere considerata più o meno conveniente a seconda del tipo di uso che si fa del gas, ossia a seconda che esso venga utilizzato per la sola acqua calda, per la cucina o anche per i riscaldamenti. Questa differenza, infatti, influenza i consumi e, pertanto, il tipo di tariffa che può essere considerata più o meno conveniente proprio a seconda delle differenti esigenze.  Quando si devono valutare le differenti forniture di gas, quindi, è importante non soffermarsi solo sul prezzo del gas per Smc, ma anche su altre informazioni. Importanti fattori da prendere in considerazione, ad esempio, sono il tipo di emissione di fattura e di pagamento_ bisogna cioè prendere in considerazione se il fornitore prevede, per quella particolare tariffa, la possibilità di ricevere fatturazione elettronica e di pagare tramite domiciliazione bancaria. Questi due mezzi, infatti, garantiscono un prezzo inferiore rispetto a quello della classica fattura cartacea e al pagamento tramite bollettino postale. 

Altri elementi importanti da prendere in considerazione quando si vuole scegliere una fattura che meglio si adatta alle proprie esigenze sono le modalità di valutazione del costo del gas. Al momento si possono individuare tre distinte modalità di valutare il costo del gas, ossia puntando su tariffe a prezzo bloccato, a prezzo indicizzato o a prezzo fisso.  Le tariffe a prezzo bloccato vengono molto utilizzate dai fornitori del mercato libero che propongono un costo fisso del gas per dodici o ventiquattro mesi. Si tratta di tariffe molto convenienti perché non vengono intaccate da eventuali bruschi cambiamenti di prezzo dovuti a incrementi dei costi causati da variazioni del valore del gas sul mercato internazionale.  Il prezzo indicizzato è utilizzato soprattutto nel mercato di maggior tutela dove l'AEEGSI (Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico) fissa il costo del gas ogni tre mesi circa, aggiornandone il valore in base alle variazioni che si registrano in Borsa, ossia nei mercati internazionali. In caso di variazioni di prezzo verso il basso possono essere molto convenienti mentre, in caso di rincaro, non garantiscono nessun margine di sicurezza contro gli incrementi dei prezzi. Le tariffe tutto compreso sono relativamente nuove nel mercato del gas: permettono al cliente di pagare una cifra fissa per un consumo ben definito di gas, valutato in Smc. Si possono selezionare differenti possibilità di prezzo, a seconda del tipo di consumi e, quindi, di metri cubi utilizzati. Quando si utilizza un quantitativo maggiore di gas rispetto a quello stipulato, si paga a parte l'extra con costi che dipendono dal fornitore e dal tipo di contratto. 
 

Conoscere i propri consumi e confrontare le tariffe
 

Se conoscere i propri consumi di gas è fondamentale per scegliere le tariffe più idonee alle proprie esigenze, il passo successivo per trovare effettivamente il tipo di contratto più conveniente è quello del confronto. Come già sottolineato sul mercato libero sono attivi molti fornitori e, presumibilmente, si potrà registrare un incremento degli stessi nei prossimi anni, in vista dell'abolizione del mercato di maggiore tutela. Proprio per questo motivo, i fornitori presenti propongono tariffe sempre concorrenziali, pensate per soddisfare le necessità dei clienti. Per avere un confronto completo, può essere conveniente rivolgersi ai siti comparatori presenti online oppure al servizio Trova Offerta dell'AEEGSI. In entrambi i casi sarà possibile confrontare, in maniera facile e immediata, non solo i diversi costi del gas a metro cubo, ma anche i diversi servizi offerti, le modalità di pagamento e la possibilità di di ottenere eventuali ulteriori sconti tramite bonus e promozioni che vengono attivate quando si stipula il contratto entro determinate date. Bisogna tuttavia sempre ricordare che quando si confrontano le tariffe bisogna sempre confrontare solo tariffe preventivate per una stessa area geografica visto che il costo del gas varia a seconda delle regioni italiane che si prendono in considerazione. Va poi ricordato che i prezzi variabili sono quelli relativi alla sola vendita del gas che dipendono dal fornitore. Invece i costi per tasse e trasporto sono sempre gli stessi per tutti i fornitori perché definiti dall'AEEGSI. Per avere un ulteriore dettaglio delle diverse tariffe è possibile consultare la scheda di confrontabilità, ossia un documento che riporta un confronto tra tutte le tariffe del mercato libero con quella proposta dal regime di maggior tutela. Può essere scaricata online, dai siti internet dei maggiori fornitori di gas. La sua importanza è tale che per legge essa deve essere inviata al cliente prima della stipula di un nuovo contratto di fornitura di gas. Come si può comprendere dal nome, questo documento permette di confrontare una serie di informazioni, non solo relative ai prezzi del gas, ma anche alle differenze percentuali di prezzo, fondamentali per avere un'idea immediata sulle effettive variazioni dei costi.
 

2017-12-06 00:00:01 now: 2017-12-14 11:03:04

16 dicembre 2017 in Piazza Castello. Milano Canta la sua Energia!