Secondo l'ultimo rapporto Eurostat, l'istituto di ricerca e statistica europeo - l'Italia si colloca ai primi posti per quanto riguarda le spese che i cittadini, privati o aziende che siano, si trovano a dover sostenere per avere la fornitura di gas ed energia elettrica. Gli aumenti sono stati negli ultimi anni vertiginosi e la bolletta è resa ancora più pesante dalle imposte che vi vengono applicate. Una situazione davvero difficile, e pressoché insostenibile per tante famiglie e imprese. C'è però qualcosa che si può fare per sfuggire in qualche modo ai rincari dell'energia . Infatti, se i prezzi della materia prima e della fornitura, più le imposte che vengono applicate sui consumi non sono elementi sui quali possiamo esercitare un cambiamento, possiamo però cambiare alcuni abitudini, per far sì che i rincari non vadano a pesare più di tanto sulle nostre tasche.
 

Valutare il proprio fornitore gas e luce
 

La prima cosa da fare è valutare il proprio fornitore, sia per l'energia elettrica che per il gas. Oggi, con la presenza del libero mercato, c'è una scelta abbastanza ampia di operatori tra i quali poter scegliere quello che ci presenta le offerte più appetibili e adatte a soddisfare le nostre esigenze. Ci sono compagnie affermate e affidabili, come Sorgenia, che sono cresciute molto e si sono affermate negli ultimi anni, e che sono in grado di offrire condizioni interessanti ai nuovi clienti che desiderino affidarsi a loro per la fornitura di luce e gas.
 

Scegliere la tariffa
 

Qualunque sia il fornitore scelto, occorre fare una attenta valutazione delle proprie abitudini e delle proprie esigenze: occorre valutare ad esempio quali sono i propri consumi nel corso di un anno; bisogna poi valutare gli orari di presenza in casa: questo ci consente di decidere se sia più conveniente per noi scegliere una tariffa bi oraria piuttosto che una mono oraria: nel caso in cui siamo fuori per la maggior parte del giorno e siamo in casa solamente la sera e nei fine settimana, allora senza dubbio la tariffa bi oraria è quel che fa per noi. se invece abbiamo orari più variabili, meglio puntare sulla mono oraria. Anche scegliere una tariffa a prezzo bloccato può rivelarsi conveniente in questo periodo: visti i continui aumenti del prezzo delle materie prime, scegliere una tariffa che ci metta al riparo dai continui rincari è senz'altro vantaggioso.
 

Risparmiare energia
 

Una volta selezionato il fornitore e il contratto di fornitura desiderato, è il momento di pensare agli impianti e agli elettrodomestici. per quanto riguarda il riscaldamento, se siamo dotati di una caldaia di vecchia generazione, è probabile che i nostri consumi siano piuttosto elevati. Occorre valutare se non sia arrivato il momento di sostituirla con un prodotto dotato di una migliore efficienza energetica, in grado di garantirci un risparmio importante. Per quanto concerne gli elettrodomestici, si calcola che in Italia sussista ancora una percentuale importante di elettrodomestici obsoleti, con una classe energetica bassa. Se fosse possibile, sarebbe meglio sostituirli con quelli di nuova generazione, che abbiano una classe energetica almeno di livello A. In tutto questo deve anche essere considerato che nell'ultima legge si stabilità è stato confermato l'ecobonus, cioè un sistema incentivante che riserva detrazioni e sgravi fiscali per coloro che provvedano all'efficientamento energetico della propria abitazione. I lavori da portare in detrazione possono riguardare la sostituzione della caldaia, la coibentazione della casa, la sostituzione di vecchi infissi, non più in grado di mantenere il calore, e anche la sostituzione degli elettrodomestici, nel caso in cui questo si collochi in un più ampio lavoro di ristrutturazione. Approfittare di questa iniziativa per sfuggire ai rincari delle bollette è una buona idea. Infine, il buon senso ha sempre un ruolo importante, anche quando si desideri sfuggire ai rincari dell'energia elettrica. Per evitare sprechi e spese inutili, sarebbe meglio evitare - a meno che non sia davvero necessario - di mandare lavatrici o lavastoviglie a mezzo carico. Occorre usare i programmi ecologici se sono presenti. Le luci nelle stanze in cui non stiamo soggiornando, devono rimanere spente. Anche sostituire lampadine classiche e alogene con quelle a basso consumo è una buona idea e la spesa sostenuta per l'acquisto sarà ampiamente ricompensato dal risparmio in bolletta. Anche piccoli accorgimenti, come spengere del tutto TV, PC e stereo, piuttosto che lasciarli in stand by, è utile ad abbassare un po' il prezzo della bolletta. E poi, spegnere il forno anche solo cinque minuti prima del tempo previsto di cottura: il calore creato contribuirà a finir d cuocere il cibo senza ulteriori consumi. Evitiamo poi di usare il grill se non necessario. Si tratta di tanti piccoli accorgimenti che, se saranno seguiti, apporteranno degli immediati vantaggi economici.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.