La liberalizzazione del mercato elettrico avvenuta nell’ultimo decennio permette oggi ai consumatori di poter scegliere il fornitore di energia elettrica per la propria abitazione o per la propria attività professionale. Il libero mercato ha così ampliato la gamma di tariffe tra cui scegliere. Le offerte di energia elettrica si differenziano così per tipologia di prezzo, fisso o indicizzato, e per struttura dell’offerta che definisce come viene calcolato il costo della materia prima, facendo riferimento quindi alle differenti aggregazioni in fasce dei consumi misurati.
 

Differenze tra tariffa monoraria e tariffa bioraria
 

Se la scelta della fornitura di energia elettrica ricade su un’offerta a prezzo bloccato, ci si troverà poi a dover decidere tra la proposta con tariffa monoraria e quella con tariffa bioraria. Ma qual è la differenza e qual è la più conveniente? La distinzione tra le due tariffe fa riferimento alla tipologia di aggregazione dei consumi a cui applicare il prezzo contrattuale per il calcolo del costo della componente energia in bolletta. Come la stessa definizione suggerisce, la tariffa monoraria è formata da un unico prezzo da applicare a tutti i consumi effettuati. Essa aggrega i consumi in una unica fascia che non dipende quindi né dal giorno, né dall’orario in cui il consumo viene effettuato. A fine mese in bolletta apparirà un solo numero che riporta i kilowattora consumati, a cui sarà applicato l’unico prezzo contrattuale.

Viceversa la tariffa bioraria è formata da una coppia di prezzi da applicare ai consumi suddivisi in due fasce, che aggregano i consumi in base al giorno e all’ora in cui l’energia viene consumata. La divisione in fasce più utilizzata è quella che ricalca il metodo di calcolo del contratto di maggior tutela regolato dall’Autorità per l’Energia, il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI). La prima fascia comprende i consumi diurni effettuati nei giorni feriali, mentre la seconda comprende i restanti consumi effettuati quindi nelle ore notturne e nei giorni festivi. Per chi avesse dimestichezza con le misurazioni del contatore di casa la prima fascia corrisponde alle misurazioni indicate con F1, mentre la seconda fascia è la somma di F2 e F3.
 

I vantaggi della tariffa monoraria
 

Chi ama la semplicità opterà soprattutto per la tariffa monoraria poiché rappresenta un gran vantaggio sin dalla fase di stipula del contratto. Infatti, grazie all’unico prezzo applicabile a tutti i consumi si saprà immediatamente confrontare il nuovo prezzo che vi stanno proponendo con il costo dei consumi passati per cui avete già ricevuto le fatture. Successivamente, controllare le bollette sarà un gioco o da ragazzi poiché sarà sufficiente dividere il costo di materia prima per l’energia consumata per ottenere la verifica della corretta applicazione di quanto contrattualmente pattuito.

La tariffa monoraria ha poi il grande vantaggio di liberare chi la sceglie da tutti i pensieri che affliggono i consumatori con la tariffa bioraria: quando devo fare la lavatrice? Sarà l’ora giusta? Quanto mi costa prendere la lavastoviglie? Con il contratto monorario invece la lavatrice può essere accesa ogni qual volta ci sarà il sole per asciugare i panni, oppure, se usate anche l’asciugatrice, qualsiasi ora del giorno e in qualunque giorno della settimana può andare bene. La tariffa monoraria è infatti un modo intelligente per gestire con semplicità il problema del consumo di energia elettrica.

Ne trarranno un grosso vantaggio i consumatori che vivono la casa tutto il giorno, utilizzando gli elettrodomestici e cucinando nelle ore diurne. A maggior ragione se l’impianto di riscaldamento o condizionamento è alimentato ad energia elettrica. Rinfrescarsi durante le calde giornate estive è infatti un’attività che viene svolta soprattutto durante il giorno, quando le temperature raggiungono i picchi più elevati. Con una tariffa monoraria si ha la possibilità di accendere il condizionatore senza versare ulteriori gocce di sudore pensando che quell’energia costa quasi il doppio di quella notturna. È per questo che la tariffa monoraria si presta all’utilizzo in studi professionali e uffici privati, nonché nelle seconde case destinate ad essere abitate durante le vacanze estive. Il prezzo fisso infatti rimane lo stesso sia d’estate che d’inverno e non c’è da preoccuparsi se il condizionatore resta acceso qualche minuto in più.

Per finire occorre sfatare un mito: non è necessariamente vero che con le tariffe biorarie si risparmia rispetto alle monorarie. Le società di vendita infatti costruiscono le tariffe monorarie basandole su accurate stime del consumo domestico e pertanto è per loro quasi indifferente la tariffa che voi scegliete. Tuttavia non sarà indifferente per il consumatore cambiare abitudini di consumo o vedersi comunque costretto ad utilizzare l’energia nella fascia più costosa. La tariffa bioraria è infatti un’arma a doppio taglio: se si vincolano il proprio modo di vivere può portare un beneficio, ma bastano pochi kilowattora consumati nelle ore "sbagliate" a mandare in fumo tutta la strategia di consumo intelligente del mese o dell’anno.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.