L'abolizione del mercato tutelato e la Tutela Simile Luce

Dopo oltre dieci anni di coesistenza tra mercato libero e mercato tutelato, entro la metà del 2019 quest'ultimo verrà abolito. Tuttavia, diversamente da quanto si aspettavano le società di fornitura, ancora oggi sono moltissimi i consumatori che non hanno mostrato interesse verso le diverse offerte e promozioni del mercato libero ma sono rimasti ancorati alle vecchie abitudini e tariffe. Per questo motivo, l'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI), ha introdotto una nuova tariffa luce, denominata Tutela Simile, che permetterà ai clienti di effettuare un passaggio graduale dal mercato tutelato a quello libero. Questa tariffa è disponibile sia per le utenze domestiche che per le piccole imprese, ossia per tutti quei consumatori che avevano accesso (e che lo avranno fino all'abolizione) al mercato tutelato. La tariffa Tutela Simile è stata introdotta solo per la luce, che presenta un mercato un po' più complesso per via delle numerose e differenti tariffe possibili. Per come è stata pensata, questa tariffa offre ai consumatori la possibilità di ottenere una tariffa con caratteristiche tecniche ed economiche simile a quelle del mercato libero. Le condizioni contrattuali della Tutela Simile non sono definite dai singoli fornitori ma dall'AEEGSI e pertanto saranno uguali per tutte le società di fornitura che decideranno di utilizzare questo tipo di tariffa. Tuttavia, potranno essere differenti i costi: all'interno di una Tutela Simile, infatti, i singoli fornitori potranno scegliere dei bonus per attirare i diversi clienti con offerte e condizioni vantaggiose sperando successivamente nel rinnovo del contratto all'interno del mercato libero.
 

Dalla Tariffa Tutela Simile al mercato libero
 

La Tutela Simile è realizzata per avviare i consumatori verso il mercato libero. Pertanto, esso non ha una durata illimitata, ma una scadenza annuale non rinnovabile. Infatti, se da un lato le condizioni contrattuali sono molto simili a quelle del mercato tutelato, dall'altro esso deve garantire la possibilità di imparare a valutare le diverse proposte e offerte per poter poi scegliere, allo scadere dell'anno, a quale società richiedere la fornitura elettrica. Se questa tutela presenta una scadenza annuale, non significa che un cliente non possa disdire prima il contratto per cercare una soluzione maggiormente consona alle proprie esigenze energetiche. Per quanti tuttavia restano con il fornitore con il quale è stato stipulato il contratto in Tutela Simile per almeno un anno, è previsto un bonus economico del valore variabile a seconda del fornitore. Va sottolineato che l'AEEGSI, nel realizzare le tariffe a Tutela Simile, ha voluto assicurarsi che esse fossero valide esclusivamente per la fornitura di energia elettrica e per nessun altro tipo di servizio aggiuntivo. Naturalmente, non è obbligatorio effettuare il passaggio al servizio di Tutela Simile prima di sottoscrivere contratti con fornitori operanti nel mercato libero: questa scelta è infatti consigliata solo per quanti non hanno ancora ben chiare le dinamiche e le possibilità di scelta presenti con il libero mercato. Molti clienti, infatti, hanno già effettuato il passaggio dal servizio tutelato al libero mercato senza sentire la necessità di effettuare il passaggio intermedio.
 

Sottoscrivere un contratto di Tutela Simile
 

Per stipulare un contratto di Luce nel regime di Tutela Simile sarà necessario rivolgersi a un'associazione di consumatori oppure collegarsi al portale https://www.portaletutelasimile.it/ un sito gestito dall'Aquirente Unico sul quale vengono riportate tutte le disponibilità di contratto e il valore dei bonus. La possibilità di stipulare un contratto in Tutela Simile, infatti, non è illimitata: ogni fornitore avrà un numero di contratti a disposizione dei consumatori. Allo stesso tempo va specificato che non tutti i fornitori possono offrire una tariffa in regime di Tutela Simile visto che per poter proporre questo tipo di promozione sono richiesti particolari requisiti dall'AEEGSI e, in particolare, viene richiesta un'elevata qualità del servizio clienti e un'alta solidità finanziaria aziendale. Come già evidenziato, questo tipo di contratto al limite tra le condizioni proposte dal mercato libero e quelle previste dal servizio di maggior tutela, ha una durata limitata, ossia di un solo anno. Allo scadere del contratto, il cliente potrà scegliere se stipulare un nuovo contratto nel mercato libero con lo stesso fornitore con il quale si aveva il servizio di Tutela Simile, oppure se cambiare società di fornitura. Indipendentemente dal fatto che esso cambi o meno fornitore, il nuovo contratto farà riferimento al mercato libero. Per questo motivo, prima della scadenza, la società di fornitura potrà proporre nuove offerte contrattuali simili a quelle previste dalla Tutela Simile per garantire un passaggio graduale verso il mercato libero.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.