DEFINIZIONE
Gas costituito prevalentemente da metano e biossido di carbonio, ottenuto dalla digestione anaerobica di biomassa, dalla fermentazione anaerobica di rifiuti stoccati in discarica o dalla fermentazione anaerobica di fanghi prodotti in impianti deputati esclusivamente al trattamento delle acque reflue civili e industriali.
 


 

Il biogas rappresenta ormai una delle fonti alternative maggiormente utilizzate per la produzione di energia rinnovabile. Il biogas, infatti è un gas totalmente naturale poiché viene ottenuto dalla fermentazione anaerobica di biomasse che possono avere diverse origini.

Da cosa è composto il biogas

Il biogas può contenere sostanze di diverso tipo, tuttavia, la composizione principale è data dal biometano, dall'anidride carbonica e da piccole quantità di idrogeno, idrogeno solforato, ossido di carbonio, azoto e ammoniaca. Il biogas, inoltre, può trovare due origini differenti, ossia provenire da biomasse vegetali, da sostanze di origine animale e perfino da rifiuti. Ecco perché la composizione del biogas varia in base alla provenienza dello stesso. Grazie all'alto grado di calore insito nel biogas è facile che questo venga convertito in elettricità e calore. Tra le altre caratteristiche del biogas si hanno l'assenza di odore e il valore agronomico che rende il gas migliore di altri. Per questi motivi l'Unione Europea ritiene questa sostanza una fonte energetica rinnovabile da promuovere per diminuire l'inquinamento e il conseguente effetto serra.

Biomasse utilizzabili per la produzione del biogas

Non tutte le sostanze possono produrre il biogas. La normativa, infatti, prevede che possono essere utilizzate le biomasse relative alla parte biodegradabile dei prodotti provenienti dall'agricoltura, come le sostanze animali e vegetali, dalla silvicoltura, dalle industrie connesse e dai rifiuti industriali e urbani. In particolare, possono essere usate le biomasse di determinati scarti di settori specifici come quello agroindustriale, zootecnico, della produzione agricola, dei rifiuti solidi organici e delle colture dedicate. Per la produzione di biogas devono essere rispettati determinati requisiti. In particolare, la biomassa deve essere stoccata in appositi serbatoi ermeticamente chiusi e coibentati con un PH intorno al valore sette e una temperatura che varia dai trentacinque ai cinquantacinque gradi a seconda della sostanza inserita. Le sostanze rimarranno nella parte bassa del serbatoio mentre il gas risalirà in superficie grazie al processo della fermentazione che richiede un periodo che va dai quattordici ai trenta giorni.

I vantaggi dell'utilizzo del biogas

Utilizzare e produrre il biogas comporta una serie di vantaggi importanti legati prevalentemente all'ambiente. In primo luogo, infatti, il biogas riduce le emissioni di anidride carbonica nell'aria, come invece avviene nella combustione fossile, poiché la combustione necessaria alla produzione del biogas non necessita di anidride carbonica aggiuntiva ma utilizza quella già presente nelle sostanze originarie che danno vita alla nascita di questo gas biologico. Un altro vantaggio legato al biogas è legato al fatto che, per la produzione, viene utilizzato del materiale cosiddetto di scarto che altrimenti rimarrebbe inutilizzato provocando ulteriore inquinamento. L'utilizzo di sostanze già esistenti, inoltre, permette di diminuire l'approvvigionamento e la distribuzione del combustibile tradizionali di origine fossile. Anche la diffusione del metano che viene emesso in maniera naturale durante il processo di decomposizione delle sostanze animali e vegetali viene ulteriormente diminuito provocando un impatto migliorativo sull'ambiente e sull'aria.

Un ulteriore vantaggio, infine, è dato dalla possibilità di utilizzare, come fertilizzante di eccellente derivazione, la biomassa che residua dopo il processo di digestione anaerobica, evitando così ulteriori scarti.

N.B. Fonti: I contenuti pubblicati nel presente articolo sono liberamente reperiti online su portali d’informazione come arera.it, servizioelettriconazionale.it, wikipedia.it ed i principali organi d'informazione giornalistici.

Il presente documento è aggiornato al 4 ottobre 2018.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.