Scopri su Sorgenia quali sono le fasce orarie più convenienti e come possono variare i costi relativi al consumo di energia elettrica.



La rivoluzione dei costi e dei servizi apportata dalla liberalizzazione del mercato dell'energia elettrica ha permesso al consumatore finale di attingere ad una serie di benefit che prima non potevano essere ottenuti. Il mercato regolamentato rimane stazionario sui costi e sul prezzo da attribuire al prodotto erogato, i fornitori di energia elettrica del mercato libero riescono ad offrire un servizio qualitativamente migliore e ad un prezzo tendenzialmente inferiore. I consumi in questo mercato non sono uniformi e standardizzabili, durante il giorno il costo dell'energia sarà comprensibilmente più alto a causa della domanda crescente di servizio da parte di uffici, fabbriche, negozi ed abitazioni civili; il fabbisogno energetico tende progressivamente a diminuire con l'arrivo della sera e durante le festività, in cui le attività d'impresa interrompono il proprio operato. Dunque una buona scelta del fornitore e delle tariffe è fondamentale per garantirsi un buon supporto qualitativo ad un prezzo ragionevole. Il costo dell'energia prescinde da diversi fattori ad esempio - come detto sopra - dall'intensità del suo utilizzo, ovvero dalle ore di picco a quelle di scarsa utilizzazione.

La liberalizzazione ha portato al mercato dell'energia elettrica, un tempo abbastanza stazionario, anche la ricerca di una maggior fidelizzazione al cliente finale, con l'introduzione di offerte vantaggiose adatte alle varie esigenze che il consumatore medio riesce a manifestare; quindi la ricerca di differenziazione da una tariffa monoraria (detta anche fascia oraria F0) in cui il costo dell'energia è sempre lo stesso durante l'intero arco della giornata, a prescindere dal momento in cui essa venga utilizzata. Alcuni fornitori del settore hanno sviluppato un'offerta completa, comprensiva del fabbisogno medio giornaliero del consumatore; sono state formulate delle offerte biorarie, un meccanismo applicato a due principali fasce orarie dalle diciannove alle otto di mattina, in modo tale da dividere in maniera netta il giorno e la notte: in questa circostanza il costo dell'energia è sicuramente inferiore durante la notte rispetto al giorno, inoltre il prezzo sarà comunque più alto dal lunedì al venerdì, rispetto ad un sabato ed una domenica, in quanto festivi e pre-festivi.

In un secondo momento sono state introdotte le fasce multiorarie,in cui le fasce di consumo sono state suddivise in tre sezioni: quella di punta, quella fuori punta e quella intermedia. La fascia di punta è identificata come F1 e rappresenta la fascia con il costo dell'energia elettrica più alto, solitamente va dal lunedì al venerdì dalle ore otto di mattina alle ore sette di sera, corrisponde al momento di maggior fabbisogno per una qualsiasi attività economica, commerciale ed industriale. La fascia intermedia è identificata come F2, identifica quella fascia oraria che va sempre dal lunedì al venerdì dalle ore sette alle ore otto di mattina e dalle ore diciannove alle ore undici di sera; a tale fascia si associa anche il sabato, dalle ore sette di mattina alle undici di sera. Infine c'è la fascia fuori punta definita F3 la quale identifica le fasce orarie che vanno dal lunedì al sabato dalla mezzanotte alle ore sette di mattina e dalle ore undici di sera, nuovamente alla mezzanotte; in questa fascia viene ricompresa anche la domenica ed eventuali giorni festivi. 

Va detto che la tariffa multioraria conviene in particolar modo a tutti quei consumatori che hanno necessità di utilizzare elettrodomestici anche la notte o nei giorni festivi; non sempre questa soluzione è utilizzabile per tutti i tipi di consumatori, basti pensare a chi vive in un condomino. La tariffa bioraria col tempo sta esaurendo la sua efficacia ed efficienza, dato che a seguito dell'avvento del mercato libero, la differenza di prezzo tra fascia F1 e le altre fasce F2 e F3 sono piuttosto ridotte rispetto al passato. Per questo, è consigliabile un'attivazione monoraria la quale lascia libero sfogo ai consumi dato il costo fisso dell'offerta finale; questa scelta potrebbe risultare decisamente conveniente considerata la possibilità di accordarsi con il fornitore per ricevere un blocco di prezzo dell'energia, evitando di fatto eventuali aumenti e le variazioni che l'aleatorietà del mercato può comportare. Per chi non è interessato ad un blocco delle tariffe perché vuole rimanere sempre informato sulle eventuali nuove opportunità che il mercato libero propone, è sempre possibile richiedere un prezzo variabile, con la modifica dei prezzi nelle modalità e nelle tempistiche definite nel contratto.

Ma quali fornitori liberi riescono a proporre tariffe convenienti? Non tutti i grandi colossi del mercato regolamentato ed altri fornitori liberi, non riescono ad offrire prezzi competitivi al consumatore.  Tra le migliori offerte orarie troviamo la società Sorgenia - azienda giovane nata dalla rivoluzione apportata dalla liberalizzazione del mercato dell'energia elettrica - che per un'offerta monoraria per un locale di media grandezza propone una tariffa mensile di € 41,32, per una spesa complessiva media annua inferiore ai cinquecento euro.
 

N.B. Fonti: I contenuti pubblicati nel presente articolo sono liberamente reperiti online su portali d'informazione come arera.it, servizioelettriconazionale.it ed i principali organi d'informazione giornalistici.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.