Anche se sono passati quasi venti anni dall'introduzione del mercato libero dell'energia, sono ancora molti i consumatori che non conoscono il vero significato di questo termine. Con il mercato libero si è attivato il processo di liberalizzazione dell'energia elettrica e del gas che ha permesso ai consumatori di poter scegliere a quale fornitore allacciarsi per i servizi energetici. Tuttavia, oltre alle forniture delle società private, è possibile richiedere l'allacciamento con quello che viene definito il mercato a maggior tutela, gestito e controllato dall'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Servizio Idrico (ARERA). La principale differenza tra i due mercati è che in quello libero le condizioni economiche alle quali vendere l'energia elettrica o il gas vengono definite dal fornitore, pur sempre in un determinato intervallo di valori che, a loro volta, sono definiti dall'ARERA in base agli andamenti dei mercati internazionali delle materie prime e, nello specifico, dell'energia elettrica e del gas metano. Le società di fornitura che operano nel mercato libero, pertanto, possono farsi concorrenza tra di loro, impostando i prezzi di vendita a valori che risultano accattivanti per i clienti o i potenziali tali. Nel caso del mercato tutelato, invece, è l'ARERA che definisce i costi, sempre basandosi sugli andamenti del mercato internazionale e impostando tali costi in modo che risultino convenienti ai consumatori seguendo parametri differenti rispetto a quelli del libero mercato.  Per i consumatori il passaggio al mercato libero ha aperto la strada a un gran numero di possibili tipologie di contratto, spesso molto più convenienti rispetto a quelle previste dal mercato tutelato. Bisogna tuttavia sottolineare la parola "spesso" perché il consumo dell'energia è un parametro molto soggettivo pertanto, anche le tipologie di contratto, possono essere più o meno convenienti a seconda dei casi, ossia a seconda dei consumi. 
 

Perché passare al mercato libero
 

I motivi per cui può risultare più conveniente passare al mercato libero sono diversi ma uno in particolare dovrebbe far riflettere: dalla metà del 2019 il mercato a maggior tutela sarà abolito per i consumatori non avranno più la possibilità di scegliere tra mercato libero o tutelato ma solo quella si scegliere il fornitore con il quale stipulare il proprio contratto. Per questo motivo, può essere molto conveniente iniziare a valutare con attenzione le differenti proposte e le tariffe delle varie società di fornitura in modo da avere la piena consapevolezza di quale possa essere il tipo di contratto più conveniente alle proprie esigenze.  Una buona panoramica dei costi e delle tipologie di offerte proposte dalle varie società di fornitura dell'energia elettrica e del gas si può avere visitando i siti comparatori, che permettono di confrontare le diverse tariffe disponibili sul mercato. Impostando i filtri, ossia indicando il consumo annuo, il numero di persone che vivono nell'appartamento e la zona di residenza, i siti comparatori saranno in grado di fornire una serie di offerte, descritte in dettaglio, che permetteranno di scegliere tra soluzioni indicate come convenienti per i filtri impostati. Oltre alla convenienza dei costi delle bollette, ossia alla possibilità di risparmiare sulla spesa annua sia per il gas che per la corrente elettrica, va sottolineato che passare al mercato libero è un'operazione completamente gratuita. Basterà, infatti, contattare il fornitore con il quale si è deciso di stipulare il contratto: sarà il nuovo fornitore che si farà carico delle operazioni di comunicazione con il vecchio fornitore per la chiusura del contratto limitando al massimo il disturbo per il cliente stesso. Va sottolineato che, anche se il passaggio da un fornitore a un altro è gratuito, vi sono alcune spese legate al conguaglio dell'ultima bolletta con il vecchio fornitore e, a seconda della normativa vigente, può essere richiesto il pagamento di un bollo per la stipula del nuovo contratto. 
 

Come scegliere il fornitore
 

La vera convenienza nel passare al mercato libero sta nel poter valutare, a seconda dei propri consumi e delle proprie esigenze, quale possa essere il fornitore che assicura prezzi minori per l'energia elettrica e il gas. Come già sottolineato, per poter valutare con attenzione le diverse possibilità può essere conveniente rivolgersi ai siti comparatori che permettono di evidenziare le offerte o le promozioni più convenienti per un determinato periodo e per specifiche esigenze. Si potranno così prendere in considerazione sia le più note società storiche che operano nel mercato tutelato, come Enel ed Eni, sia le più apprezzate del mercato libero, come Sorgenia , Wewiki, Edison, E.On e molte altre. Quando si opera la propria scelta, infine, va sempre ricordato che essa non deve essere fatta semplicemente guardando i prezzi delle offerte, ma soprattutto prendendo in considerazione i propri consumi e le abitudini di utilizzo dell'energia e del gas. Molte tariffe del mercato libero, infatti, sono caratterizzate da consumi minimi o massimi che devono essere raggiunti per poter avere prezzi convenienti e risparmio sicuro o da tariffe bloccate per dodici o ventiquattro mesi: solo conoscendo le proprie esigenze, quindi, si potrà seleziona l'offerta migliore e più conveniente per le proprie necessità di consumi.
 

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.