Bonus per chi cambia fornitore di gas: scopri i pacchetti speciali e i vantaggi


 

Scegliere il fornitore di gas

Da quando il mercato energetico è stato liberalizzato, e in vista della sua completa liberalizzazione che si prevede entro la metà del 2019, districarsi nel mondo delle tariffe, offerte e proposte commerciali relative ai contratti di fornitura del gas sembra diventato molto complicato. In realtà, le numerose proposte di contratto che vengono suggerite dai diversi fornitori possono essere una vera e propria ancora di salvezza per un risparmio concreto sulla fornitura di gas. Per meglio comprendere come muoversi tra tutte le offerte senza rischiare di confondersi, per prima cosa è necessario avere ben chiare le idee sui propri consumi e modalità di utilizzo del gas stesso. La maggior parte delle tariffe presenti sul mercato libero, infatti, vengono realizzate per garantire la soddisfazione dei diversi clienti con profili di consumo differenti e modalità di utilizzo del gas diverse. Un contratto di fornitura, ad esempio, può essere conveniente per chi utilizza il gas solo per la cucina e per l'acqua calda, un altro invece permette a chi ha anche un impianto di riscaldamento a gas di poter risparmiare sui consumi. Ugualmente, alcune tariffe sono ritagliate su misura per piccoli consumi e basse potenze, altri per quanti hanno consumi più elevati. Per questo motivo, prima di scegliere, è necessario porre attenzione a questo fondamentale dettaglio in maniera tale da poter confrontare non solo i prezzi delle diverse promozioni, ma i rapporti consumi/prezzi che sono il vero elemento chiave per un risparmio sicuro. Tuttavia questo non è l'unico parametro che permette di pagare una bolletta più bassa: la fatturazione elettronica e i pagamenti tramite domiciliazione bancaria sono un altro importante fattore da prendere in considerazione, così come tutte le promozioni e i bonus che vengono proposti quando si cambia fornitore di gas
 

Cambiare fornitore di gas: bonus, promozioni e offerte

Molte tariffe altamente convenienti vengono realizzate esclusivamente per chi cambia fornitore. Nel mercato libero, infatti, le diverse aziende di fornitura del gas puntano a procacciarsi quanti più clienti possibile dando vita a una concorrenza che può essere convenientemente sfruttata dai consumatori per risparmiare sul gas. Infatti, quasi tutti i fornitori presentano un'offerta speciale, una sorta di bonus di benvenuto, per quanti decidono di affidarsi a loro per la propria fornitura di gas. Ugualmente, in determinati periodi dell'anno, è possibile usufruire di interessanti promozioni e offerte, di prezzi bloccati, di tariffe agevolate e molto altro. Questo significa che, prima di cambiare gestore, è importante controllare con attenzione tutte le possibilità, in modo da poter valutare attentamente l'influenza economica non solo delle tariffe, ma anche dei bonus e delle promozioni che possono venire attivate se si effettua il passaggio di fornitore in un determinato periodo.  Molto interessanti, ad esempio, le offerte con prezzo bloccato. Il costo del gas, infatti, può variare durante l'anno a seconda degli andamenti dei mercati e, pertanto, ci si può trovare in bolletta con costi del gas per Smc più elevati rispetto a quelli della bolletta precedente. Per evitare questo tipo di inconvenienti, i fornitori del mercato libero propongono sempre più spesso offerte a prezzo bloccato per uno o due anni. Terminato tale periodo il fornitore dovrà comunicare al cliente la nuova tariffa del gas e, in caso non la reputasse conveniente, questo può decidere di cercare un nuovo fornitore. Va ricordato, infatti, che il cambio di fornitore è un processo relativamente rapido e a costo zero, per cui è sempre conveniente valutare anche questa opzione quando si è alla ricerca di una bolletta che permette di risparmiare sulle spese. 
 

I pacchetti tutto compreso

Un'altra interessante possibilità di risparmio sulle bollette è quella di prevedere una modalità di consumi del gas relativamente nuova: quella dei pagamenti tutto compreso. In questo tipo di tariffe, il consumatore paga una cifra fissa mensile fissa che permette un consumo di un numero definito di metri cubi di gas. Per avere il massimo risparmio su questo tipo di tariffa, ancora una volta è fondamentale conoscere i propri consumi, in modo tale da comprendere quale possa essere il taglio più conveniente. Anche per questo tipo di tariffa i fornitori propongono quasi sempre il prezzo bloccato. In caso di consumi che superano la soglia stabilita, il consumatore potrà scegliere, dopo aver pagato i consumi in eccesso, due differenti opzioni. Nel caso in cui il consumo in eccesso sia stato causato da un evento particolare, può mantenere il profilo definito durante il contratto, con la fornitura dei metri cubi di gas stabiliti. Se, invece, sono cambiate le esigenze domestiche, il cliente potrà decidere di optare per un taglio di consumi maggiore, ossia per una maggiore fornitura di metri cubi di gas al mese. In tal caso non sarà necessario riformare il contratto, ma solo chiedere un'integrazione con la nuova richiesta di metratura.  Questo tipo di offerta è sicuramente molto conveniente per quanti hanno dei consumi annui sempre molto simili tra di loro, ossia soprattutto a quanti fanno utilizzo del gas limitatamente all'acqua calda e alla cucina. Più difficile, invece, scegliere questa opzione quando si ha in casa un sistema di riscaldamento a gas che, in inverno, porta a un incremento dei consumi non sempre ben valutabile perché strettamente connesso alle temperature esterne.