Come scegliere il tuo nuovo distributore di luce e gas?

Risparmia ora


Il mercato dell’energia si sta liberalizzando completamente. Ciò è molto importante per i consumatori, che non saranno più vincolati ad un solo distributore ma saranno liberi di scegliere la tariffa più adatta per la propria utenza energetica.
 

Esiste un distributore gas e luce più conveniente rispetto ad un altro?
 

No, poiché ogni offerta viene valutata in maniera soggettiva da un cliente. Per questa ragione ogni persona in base ai propri consumi, potrà valutare in piena libertà la tariffa migliore. Per svolgere questa operazione dovrà fornirsi di documentazione necessaria a questo scopo. Tante sono le campagne pubblicitarie dei distributori di luce e gas che servono a procacciare nuovi clienti. Un’altra conseguenza della liberalizzazione del mercato dell’energia, è proprio la concorrenza che si viene a creare tra le varie aziende. Ciò comporterà quindi, una diminuzione dei prezzi e un’offerta sempre maggiore dei servizi nonché un aumento della loro qualità.
 

Come scegliere il giusto distributore di gas e luce
 

Sicuramente il primo dato importante al quale guardano i potenziali clienti, è il prezzo dell’offerta proposta. Il prezzo verrà dato per l’energia elettrica come chilowattora, mentre per il gas il prezzo sarà stimato in metri cubi. Questo sarà l’elemento variabile tra i fornitori. Il prezzo dell’energia viene ricavato in base alle fasce orarie. Premesso che è importante utilizzare gli elettrodomestici ad alto consumo durante le fasce serali, è anche vero che diversi fornitori saranno in grado di assicurare la tariffa più bassa anche nelle fasce diurne.

Prima di tutto è bene sapere che le fasce orarie coperte sono tre e vengono indicare in F1, F2 ed F3, fascia diurna e serale, al quale si aggiungono le anche i week end e i giorni festivi. Per scegliere la tariffa più conveniente bisogna valutare in modo soggettivo, quando c’è più consumo. Dopo questa valutazione sarà possibile scegliere la tariffa migliore, se sarà di tipo bioraria o monoraria. Con l’ultima bolletta utile sarà facile risalire alla ripartizione dei consumi durante l’arco coperto e durante la giornata. Questi dati saranno indicati nel riepilogo delle letture e dei consumi. Si troveranno i chilowattora spesi di energia nelle tre fasce. Per fare un controllo più accurato e capire bene la convenienza sull’eventuale cambio gestore, è bene guardare i consumi annuali. Se i consumi sono ripartiti in modo uniforme durante l’arco della giornata, sarà bene orientarsi su una tariffa monoraria. Se invece il consumo nelle due fasce che siano F2 ed F3 supera quasi il totale della bolletta, sarà bene affidarsi alla fascia bioraria. Da ricordare: il costo dell’energia durante la notte e i week end ha sempre un costo ridotto.
 

Confronto dei fornitori di energia
 

Per scegliere la migliore compagnia di gas e luce è necessario valutare le varie offerte tra pubblicità televisiva, su internet, con dei portali dedicati proprio al confronto delle tariffe. Quando sarà disponibile una rosa di potenziali concorrenti, è bene passare allo step successivo: rivolgersi all’assistenza dei vari distributori.

I numeri di telefono previsti per l’assistenza sono in grado di assistere un potenziale cliente anche per altre operazioni: voltura e cambio del gestore. Avere un proprio sito internet, per la compagnia, è il mezzo più diretto per dare le informazioni richieste. In questo caso il cliente non avrà bisogno di sopportare lunghe attese al telefono, potrà trovare tutte le informazioni necessarie proprio sul portale dedicato all’azienda, facendo una scelta ancor più consapevole. Attraverso il servizio self care, il cliente potrà effettuare tutte le sue richieste di chiarimenti, gestendo in maniera serena il cambio fornitura di energia e gas. Avrà delle credenziali di accesso nell’area personale, in questo modo interagirà il meno tempo possibile con il personale, ottenendo tutte le risposte che cerca.

Spesso molti distributori fanno delle offerte dedicate sul web. Scegliendo questo tipo di operazione il pagamento delle bollette potrebbe essere ancora più semplice rispetto al tradizionale bollettino. Sarà possibile infatti, usufruire di domiciliazione bancaria sul conto corrente del cliente.

Tanti saranno anche i punti vendita dedicati proprio a queste funzioni. Il personale assunto al suo interno, sarà in grado di fornire tutte le informazioni utili alla chiarificazione delle offerte. Ci saranno punti vendita di distributori famosi, estesi su tutto il territorio, oppure altri che coprono solo poche zone circostanti una certa area. Novità del mercato è il blocco del prezzo per diversi anni, generalmente da uno a tre anni. Questo blocco viene stabilito in fase di contratto.
 

Cambio del distributore di luce e gas
 

Il cambio del distributore è del tutto gratuito. Questa operazione non comporta alcuna interruzione del servizio né tanto meno un intervento di tipo tecnico sul proprio contatore. L’operazione di cambio avviene massimo in due mesi. Il recesso del contratto con il vecchio distributore viene fatto sempre dal nuovo gestore. Questo dovrà essere comunicato un mese prima e il cambio si avvia, appena dopo il recesso. Il vecchio fornitore dovrà in questo caso, mandare solo l’ultima bolletta, chiamata la bolletta di chiusura.
 

2017-12-06 00:00:01 now: 2017-12-14 10:56:42

16 dicembre 2017 in Piazza Castello. Milano Canta la sua Energia!