DEFINIZIONE
È la lettura effettiva corrispondente al numero che compare sul display del contatore ad una certa data (data di lettura di norma coincidente con l’ultimo giorno del mese). Viene rilevata direttamente dal distributore (di norma in modo automatico da remoto, senza la necessità della visita del letturista) che la comunica al venditore.
 


 

Il distributore di energia elettrica è anche colui che installa il contatore, esegue le operazioni di manutenzione ed effettua a lettura. Esistono due diversi tipi di lettura del contatore: - l'autolettura ossia quella effettuata direttamente dal cliente e poi comunicata al proprio rivenditore di energia elettrica nei modi e nei tempi generalmente indicati in bolletta; - la lettura rilevata in modo automatico, da remoto, e che viene poi comunicata istantaneamente al rivenditore.

Letture rilevate e consumi effettivi

Grazie alle letture rilevate gli utenti pagano in base ai loro consumi effettivi e cioè in base all'energia realmente consumata. Per sapere a quanto ammontano i consumi effettivi basta guardare i numeri che compaiono sul display del contatore. Sia l'autolettura che la lettura rilevata fanno entrambe riferimento ai consumi effettivi che possono essere comunicati al rivenditore di energia elettrica da parte del cliente oppure possono essere rilevate automaticamente attraverso i cd contatori intelligenti introdotti dall'Autorità per l'energia con delibera 292/06. La stessa delibera stabilisce anche la sistematicità con cui le letture vengono rilevate, in base al differente tipo di mercato. Nel mercato di maggior tutela e per i contatori con una potenza non superiore a 16,5 kw la lettura viene rilevata una volta all'anno mentre per i contatori con potenza superiore ai 16,5 kw la lettura viene rilevata una volta al mese. Anche nel mercato libero la lettura viene rilevata una sola volta al mese e precisamente l'ultimo giorno del mese. Nonostante tali disposizioni, sono ancora molti i contatori che non sono in grado di comunicare la lettura al rivenditore di energia elettrica e quindi l'unico modo per non vedersi addebitare costi aggiuntivi rispetto ai consumi effettivi, dati appunto dai consumi stimati dal rivenditore, l'unica cosa da fare è quella di comunicarla personalmente, entro i termini e nei modi previsti in bolletta. In ogni caso, in assenza di una lettura rilevata in maniera automatica da remoto spetta al distributore, tramite un apposito addetto, compiere dei tentativi di lettura del contatore: - almeno una volta l'anno per tutti i clienti con consumi fino a 500 smc/anno (ossia metri cubi standard all'anno); - almeno due volte all'anno per i clienti con consumi compresi tra i 500 e i 1500 metri cubi standard all'anno; - almeno tre volte all'anno per i clienti con consumi compresi tra i 1500 e i 5000 metri cubi standard all'anno; - almeno una volta al mese per i clienti con consumi superiori a 5000 metri cubi standard all'anno. Si parla di tentativo perché in molti casi i contatori sui quali effettuare la relativa lettura sono posti all'interno dell'abitazione e non sempre è facile accedervi.

Perché sono importanti le letture rilevate

Le letture rilevate sono importanti perché permettono ai soggetti di pagare solo quanto effettivamente consumato. Infatti, in assenza di letture rilevate i costi per l'utilizzo di energia elettrica verranno calcolati sulla base dei consumi stimati dal distributore che in questo caso terrà conto dei consumi dell'utente nello stesso periodo, ma dell'anno precedente. In assenza di tali dati il distributore farà riferimento a parametri differenti come: - la finalità di utilizzo dell'utenza; - il numero dei membri della famiglia; - il numero e il tipo di dispositivi presenti nell'abitazione. Tutto ciò cosa comporta? Che l'utente vedrà addebitati in fattura dei costi dovuti a dei consumi superiori rispetto a quelli effettivi per poi ottenere una detrazione delle somme versate in eccedenza in fase di conguaglio.

N.B. Fonti: I contenuti pubblicati nel presente articolo sono liberamente reperiti online su portali d’informazione come arera.it, servizioelettriconazionale.it, wikipedia.it ed i principali organi d'informazione giornalistici.

Il presente documento è aggiornato al 26 settembre 2018.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.