DEFINIZIONE
Documento che identifica i rischi specifici esistenti su un impianto cui può essere esposto il personale che accede allo stesso nonché le misure di prevenzione ed emergenza da adottare.
 


 

Il Documento Rischi Specifici è un documento che deve essere redatto obbligatoriamente dai datori di lavoro qualunque sia il tipo di attività lavorativa svolta, il numero di dipendenti e se sia un'azienda privata o pubblica. Vediamo quali sono i rischi specifici che individua la legge e come redigere il DVR.

La valutazione dei rischi negli ambienti di lavoro

Il Testo Unico in materia di sicurezza e lavoro ha introdotto l'obbligo per i datori di lavoro di valutare i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori durante lo svolgimento dell'attività lavorativa. Attraverso questa valutazione si identificano tutti i rischi che possono palesarsi sul luogo di lavoro o durante lo svolgimento delle mansioni per prevenire spiacevoli incidenti o infortuni. L'obbligatorietà della stesura del Documento Rischi Specifici deriva dalla necessità di salvaguardare la salute dei lavoratori e di rendere noto quali sono i rischi connessi all'attività svolta. Nel DVR, oltre ad elencare tutti i possibili rischi specifici sul luogo di lavoro, sono contenute le misure di prevenzione e di protezione adottate dal datore di lavoro per garantire la sicurezza e la protezione della salute del lavoratore.

I rischi specifici secondo l'art.28 del D.lgs. 81/08

Il legislatore all'art. 28 D.Lgs. 81/08 elenca tassativamente quali sono gli elementi che deve contenere il Documento di Valutazione Rischi e in particolare alla lettera f afferma che sia necessario individuare "le mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento". Questa definizione di rischi specifici è molto sommaria e imprecisa, ma si possono comunque individuare le mansioni che possono comportare "rischi specifici" per la salute e la sicurezza dei lavoratori. La legge per quanto riguarda i rischi di natura specifica rimanda alle norme tecniche o alle linee guida che individuano precisamente quali siano le classi di rischio. In generale, i rischi specifici possono derivare dal rumore, dalle vibrazioni (mano- braccio o addirittura dell'intero corpo), dal sollevamento e dal trasporto, dal contatto con sostanze chimiche, esplosive o biologiche, dalle radiazioni solari o da quelle ottiche artificiali, dall'amianto e dai campi elettromagnetici. Per la rilevazione e l'indicazione dei livelli di rischio derivanti da agenti chimici, cancerogeni e mutageni e dall'amianto è necessario che vengano eseguiti dei sopralluoghi da parte di esperti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Duranti i controlli per redigere il DVR, se sono presenti rischi da esposizione ad atmosfere esplosive si effettuano delle raccolte dati e dei campionamenti.

 

Come redigere il Documento di Valutazione Rischi

Per essere in regola con il disposto dell' art. 28 del D.lgs. 81/08 è necessario che il Documento di Valutazione Rischi contenga alcuni elementi, altrimenti il datore di lavoro sarà inadempiente e potrebbero essergli comminate delle sanzioni. In particolare, Il DVR deve contenere un elenco dettagliato di tutti i rischi per la sicurezza e la salute che possono esserci sul luogo di lavoro e inoltre deve specificare quali sono state le metodologie impiegate per la rilevazione dei suddetti rischi. Nel DVR devono essere inoltre specificate quali sono le misure di prevenzione adottate per ridurre i rischi specifici e se sono state attuate delle particolari procedure per la messa in sicurezza del luogo di lavoro. È inoltre obbligatorio che il DVR contenga i dati del responsabile della sicurezza sul luogo di lavoro e del medico che ha eseguito la valutazione dei rischi. Il Documento di Valutazione Rischi deve essere sempre a disposizione dei lavoratori che possono consultarlo per verificare quali sono i rischi e le misure di prevenzione adottate.

N.B. Fonti: I contenuti pubblicati nel presente articolo sono liberamente reperiti online su portali d’informazione come arera.it, servizioelettriconazionale.it, wikipedia.it ed i principali organi d'informazione giornalistici.

Il presente documento è aggiornato all'11 ottobre 2018.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.