Il Gestore dei Mercati Energetici , definito anche Gestore del Mercato Elettrico fino al 2009, consente a produttori, consumatori e grossisti di stipulare contrati di compravendita di energia elettrica. Le transazioni avvengono online, su una piattaforma accessibile agli operatori tramite rete internet. Ci sono essenzialmente due grandi tipologie di contratti, definiti a termine o a pronti.

  • Mercato a termine : accordi bilaterali tra operatori del settore, che prevedono prodotti a prezzo fisso, scambiati e venduti. Vi sono apposite piattaforme di trading, che servono proprio ad autorizzare gli scambi. Un esempio sono le piattaforme ICAP, GFI e TFS. Esiste anche una piattaforma MTE, che però è poco utilizzata a causa dei diversi vincoli che presenta. Dato che l'energia è un bene fisico, molto spesso tali scambi sono puramente virtuali, così come i flussi di conto.
  • Mercato "a pronti" è invece essenzialmente suddiviso con due attori principali, ma vede l'incontro di ogni offerente con il mercato stesso, con il sistema del prezzo marginale. 

Questo mercato è suddivisibile in 

  • mercato del giorno prima: permette a produttori, grossisti e clienti finali risultati idonei di vendere o acquistare energia elettrica per il giorno successivo;
  • mercato infragiornaliero: permette a produttori, e grossisti di modificare i programmi di immissione stabiliti,
  • esiste poi un mercato di dispacciamento MSD, che usa la forma "Pay as Bid", che é necessaria per rifornirsi dei servizi di dispacciamento relativi al controllo di gestione elettrico. Al GME é inoltre affidata la gestione dei certificati bianchi e verdi.


Quali sono fasi e operatori del mercato dell'energia elettrica?
 

Bisogna principalmente distinguere fra "mercato libero" e "servizi di maggior tutela", e dunque bisogna comprendere quali processi e soggetti operano in tale mercato.  In Italia la maggior parte della generazione o produzione di energia elettrica deriva da energia rinnovabile : ci sono diverse fonti di energia rinnovabile in percentuale minore; geotermica, idroelettrica, solare ed eolica. Durante il trasporto o trasmissione dell'energia si ha il trasferimento dell'energia delle centrali elettriche dove viene prodotta alle località dove deve essere usata. Bisogna cercare dunque di creare una rete di trasmissione che garantisca l'interazione ottimale fra centri di produzione e centri distributivi, riducendo gli sprechi. La fase del processo è quella di distribuzione, che consiste nell'effettivo arrivo dell'energia elettrica nelle case o nelle aziende.
 

Differenza fra mercato libero e tutelato
 

Esiste una differenza sostanziale fra mercato libero e mercato vincolato . Il mercato libero è regolato dall'Autorità per l'Energia Elettrica e il Sistema Idrico, che decide in merito a vendita, acquisto ma non alla distribuzione, che resta in carico ai gestori precedenti. Si può dunque essere o utenti del mercato tutelato e voler passare ai contratti in fornitura libera o, viceversa, si può scegliere di tornare al mercato tutelato, senza costi aggiuntivi.

E' dagli anni '60 che si è diffuso il concetto di liberalizzazione del mercato dell'energia, ma solo negli ultimi anni esso si è effettivamente realizzato, principalmente grazie alla possibilità di sviluppare offerte personalizzate in base alle effettive esigenze del cliente.
 

L'Autorità per l'Energia e il Mercato Libero
 

Proprio per la gestione del mercato libero, l'infrastruttura dell'Autorità per l'Energia e per il Mercato libero ha diverse mansioni in carico, fra le quali: garantisce la parità d'accesso al mercato, promuove con particolare riferimento all'efficienza e alla trasparenza. Inoltre aggiorna i criteri per la determinazione dei prezzi di riferimento del mercato, tenendo conto dell'inflazione e delle mutazioni, adotta inoltre alti livelli di trasparenza e promuove una corretta concorrenza, definendo gli standard minimi di qualità del servizio. Può multare comportamenti scorretti, aggiornare le condizioni economiche di riferimento per i clienti che non hanno scelto il mercato libero. Promuove campagne di tutela e di informazione dei clienti e dei consumatori, questionari di soddisfazione e raccolta dati, accresce i livelli di trasparenza e consapevolezza.
 

Quali sono dunque le tariffe più convenienti?
 

Le tariffe monorarie consentono un uso consapevole dell'energia spalmato durante tutto il giorno, mentre è più conveniente avere servizi biorari nel caso in cui si sia in casa principalmente di sera. Le offerte risultano in tal caso tanto più vantaggiose quanto più si riesce a concentrare il consumo nella fascia oraria serale. Quando si valuta un fornitore quindi ci sono molti elementi che vanno presi in considerazione: in primis la sua affidabilità, l'attenzione al cliente, il servizio di assistenza e la disponibilità. Le offerte molto spesso parlano chiaro e consentono quindi di essere in grado, da soli, di scegliere la migliore offerta che fa al caso proprio, con il migliore rapporto qualità prezzo, grazie alla libertà che questo tipo di soluzione consente. Sorgenia rappresenta un fornitore gas affidabile e trasparente, in grado di soddisfare anche le richieste dei clienti più esigenti e le particolarità sia del mercato domestico che di quello industriale.