La centrale di Aprilia (LT)

La centrale di Aprilia è stata la quarta ad essere progettata e costruita da Sorgenia ed è entrata in marca commerciale a giugno 2012.

La centrale di Aprilia è un impianto greenfield, del quale abbiamo cioè curato la progettazione fin dall’individuazione dell’area dove insediarlo.

LOCALITÀ Aprilia (TL)
ENTRATA IN FUNZIONE 2012
POTENZA INSTALLATA 80 MW
CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001
BS OHSAS 18001
Registrazione EMAS
(Eco Management and Audit Scheme)

Come per le altre nostre centrali, la realizzazione è stata condotta nel rispetto dei più avanzati vincoli tecnologici e ambientali. Anche qui, come già a Modugno e Bertonico-Lodigiano, è in funzione un sistema di trattamento delle acque Zero Liquid Discharge, per il recupero delle acque nella fase finale del ciclo di produzione.

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E RISPETTO DEL TERRITORIO E DELLA SUA STORIA

Anche dopo il suo avviamento, sono state implementate migliorie simili a quelle già testate nella centrale lodigiana, volte a migliorare il rendimento. In particolare, è stato installato il catalizzatore CO, teso a ridurre le emissioni di monossido di carbonio prodotte dalla centrale e contestualmente il Minimo Tecnico Ambientale, aumentando così le caratteristiche di flessibilità della centrale e consentendo una più efficace partecipazione al Mercato dei Servizi di Dispacciamento.

Interessante ricordare come durante i lavori per la costruzione siano stati ritrovati alcuni reperti archeologici, e quindi condotti alcuni scavi, sotto la direzione scientifica della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio. Per proseguire con la realizzazione della centrale, Sorgenia ha quindi individuato e attuato soluzioni tecniche idonee a non alterare lo stato di conservazione delle opere ritrovate, anche in accordo con la Soprintendenza, alla quale sono stati consegnati tutti gli oggetti rinvenuti, opportunamente catalogati.