Sorgenia, un ulteriore rimborso del debito nei conti di fine anno

 

Un ulteriore rimborso del debito per circa 20 milioni di euro nei conti di fine anno di Sorgenia che porta così a 340 i milioni di euro rimborsati nel 2017. L’indebitamento netto scende oggi sotto i 750 milioni.

Il 2017 per Sorgenia si chiude con l’entrata in vigore del nuovo accordo finanziario e con un ulteriore rimborso alle banche, che restano anche le azioniste della società energetica. In pochi mesi, attraverso tre diverse tranche, sono stati rimborsati 340 milioni di euro. A luglio erano stati rimborsati 170 milioni di euro, cui si erano aggiunti altri 150 milioni a dicembre e quindi adesso altri 20 milioni di euro. La posizione finanziaria netta del gruppo è scesa nel frattempo sotto i 750 milioni di euro, dai circa 1.700 milioni di euro di marzo 2015 quando la società è stata acquisita dal pool di istituti di credito.

Dice Gianfilippo Mancini, Amministratore Delegato di Sorgenia: “In meno di tre anni anni Sorgenia è stata risanata e si è trasformata. Abbiamo puntato alla digitalizzazione di tutte le attività, sia nella vendita che nella produzione di energia. Investiamo sui giovani che ci aiutano ad avere una visione innovativa del mercato. Abbiamo creato le condizioni che ci consentono di dare ai clienti offerte stabilmente più vantaggiose. Questa trasformazione ha influito in modo evidente sui conti e ha creato i presupposti per diventare sempre più protagonisti in un mercato che sta cambiando in modo sostanziale e veloce.”

Nel 2017 l’Ebitda è previsto superiore ai 150 milioni di euro, in forte crescita rispetto ai 122 milioni di euro del 2016 e quasi quattro volte il risultato del 2015 di 40 milioni di euro.


 

Ufficio stampa Sorgenia
Giorgio Tedeschi | Valentina Colombo
Tel. 02 62693.1
sorgenia@diesis.it

 

2017-12-22 00:00:01 now: 2018-11-17 05:34:13