Con l'arrivo del nuovo anno si rincorrono le notizie sull' aumento delle tariffe per luce e gas, ma è bene rassicurare tutti: il mercato libero non viene toccato, infatti, le società che operano nel settore sono libere di determinare in regime di concorrenza le tariffe e quindi di lasciarle invariate. L'obiettivo è non perdere quote di mercato e sostenere le famiglie in questo delicato momento in cui si avvicina l'uscita dalla crisi. Tra le società che si stanno impegnando a mantenere i prezzi bassi nonostante le nuove condizioni di mercato vi è Sorgenia.

 

Il mercato energetico in Italia

La prima cosa da dire è che attualmente in Italia vi sono due possibilità per la fornitura energetica: il mercato regolamentato rappresentato dal Servizio Elettrico Nazionale, che come anticipato aumenterà le tariffe, e il mercato libero, cioè che opera in regime di concorrenza come qualunque altra tipologia di attività commerciale. L'aumento delle tariffe di luce e gas previsto per il 2018 è dovuto ad una serie di fattori concomitanti che portano ad un aumento di costo per l'approvvigionamento.


Si tratta di elementi oggettivi che possono rendere necessari dei rialzi che in ultima analisi saranno sempre decisi dai gestori, infatti, non vi è una legge che obbliga ad aumentare le tariffe. Tra i diversi fattori che concorrono al rialzo delle tariffe vi è l'aumento dei consumi da parte degli italiani dovuti alla ripresa economica e quindi ad un aumento di produttività e fabbisogno. Come in un qualunque mercato, infatti, anche in quello energetico, a produzione, e quindi offerta, costante e aumento della domanda, corrisponde un aumento dei prezzi.
A questo si aggiunge la ridotta disponibilità di energia da importare dalla Francia in quanto alcuni impianti nucleari non lavorano a pieno regime.


È bene ricordare che l'Italia non è autosufficiente nella produzione energetica. Ad aumentare i costi contribuisce ulteriormente la riduzione dei transiti in alcune zone d'Italia e in particolare il Meridione dove le linee non sempre sono adeguate a supportare la crescente domanda. In Italia non essendo previste centrali nucleari per la produzione di energia, ci si affida soprattutto a fonti rinnovabili e tra queste una certa importanza è rivestita dall'energia idroelettrica, i cambiamenti climatici però interferiscono con la produzione. In particolare, la crisi idrica del 2017 ha portato ad una riduzione di produzione di energia idroelettrica con la sostituzione della produzione persa con quella delle centrali a gas che producono energia a maggior costo. Per il gas l'aumento dei costi è dovuto all'aumento di prezzo della materia prima e all'aumento dei costi di dispacciamento. L'insieme di questi fattori porta a prevedere un aumento delle tariffe del 5,3% per l'energia elettrica e del 5% per la fornitura di gas che resta il combustibile maggiormente utilizzato in Italia per il riscaldamento e per la produzione di acqua sanitaria.

 

Come sfuggire ai rincari luce e gas 

Sfuggire ai rincari luce e gas paventati è comunque possibile proprio aderendo al mercato libero. In Italia il libero mercato dell'energia elettrica viene istituito nel 1999 con il decreto Bersani, ma per arrivare alla completa liberalizzazione del settore si deve attendere fino al 2007, dal mese di luglio di quest'anno i fornitori possono liberamente entrare nel mercato e gli utenti possono decidere a chi affidarsi per la fornitura. Il libero mercato ha istituito il regime di concorrenza e si sa che in tale situazione i fornitori cercano di offrire le migliori tariffe per restare sul mercato.
L'assenza di prezzi imposti per legge fa si che tutto ciò sia possibile.

Se anche aumenta il costo di materie prime e il costo per il dispaccio di luce e gas, vi è la possibilità per le imprese in libero mercato di adottare politiche volte ad aiutare le famiglie e quindi ad evitare rincari in bolletta. Ovviamente non tutti i gestori agiscono utilizzando le stesse strategie imprenditoriali e quindi sarà sempre il consumatore a dover confrontare le diverse offerte al fine di ottenere le migliori tariffe e un servizio adeguato alle proprie esigenze. Attualmente il mercato libero è sfruttato comunque in minima parte, un po' per diffidenza un po' per paura dei cambiamenti e per disinformazione, infatti, solo una famiglia su 4 è passata al mercato libero.

Questo vuol dire che tante persone ancora non hanno scoperto la possibilità di sfuggire ai rincari evitando così che tutte le cattive condizioni di mercato di riversino su loro. Passare al libero mercato è molto semplice, basta infatti sottoscrivere un nuovo contratto con una società che opera nel mercato libero. Il passaggio non richiede oneri aggiuntivi né la necessità di eseguire lavori in casa o fuori casa. Ovviamente prima di aderire a nuove proposte è bene confrontare le diverse offerte anche in base al proprio stile di vita.

Scegliendo Sorgenia è possibile valutare diverse tipologie contrattuali modulate in base alle esigenze di differenti tipologie di famiglie e con la possibilità di avere tante opportunità di risparmio e servizi esclusivi. Deve, infine, essere sottolineato che dal luglio 2019 tutti i clienti dovranno passare al mercato libero, meglio approfittarne fin da subito.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.