DEFINIZIONE
Un contatore si definisce accessibile, quando è il passaggio non comporta impedimenti e/o passaggi su proprietà privata chiusa o aperta. 
 



Il contatore, ovvero il gruppo di misura, può essere accessibile o meno. Nel primo caso il distributore può raggiungere il contatore senza l'intervento del proprietario dell'immobile e non occorre che nessuno gli debba materialmente aprire. Il più delle volte il gruppo di misura è ubicato sulla strada. Nella seconda ipotesi, invece, il contatore si trova all'interno di una proprietà chiusa, pertanto è necessario che qualcuno provveda a permettere l'accesso al distributore affinché questi possa eseguire la lettura.

 

L' accessibilità al gruppo di misura comporta delle conseguenze per quanto concerne le letture che devono essere svolte dai distributori. Esistono delle periodicità nelle letture, che vengono prescritte dalla legge e che il distributore deve rispettare, pena l'indennizzo nei confronti del cliente.

Letture del contatore accessibile

I distributori si adoperano per eseguire le letture al gruppo di misura almeno una volta all'anno e sempre che si tratti di contratti domestici. Diversamente, i contatori che superano la soglia normalmente usata dai privati, devono essere letti con più frequenza e in alcuni casi anche una volta al mese. L'Autorità di Regolazione per l'Energia Reti e Ambienti ha stabilito nel dettaglio la quantità di volte in cui un contatore debba essere letto dal distributore, nonché l'obbligo di quest'ultimo di raccogliere l'autolettura che viene eseguita direttamente dal consumatore. I termini prescritti valgono per i contatori accessibili, ovvero per qui gruppi che si trovano direttamente sulla strada pubblica.

Quali sono le conseguenze in caso di mancata lettura dei contatori accessibili?

Quando il distributore non esegue la lettura del contatore accessibile in base alle periodicità sancite il cliente finale ha il diritto di ricevere una somma a titolo d'indennizzo e pari a 35,00 euro, così come stabilito dalla Delibera Autorità per l’energia elettrica del 2013. Detta somma viene accreditata direttamente in bolletta e si applica per ogni lettura che non è stata eseguita.

Il distributore non può sottrarsi dal pagamento di questo indennizzo e deve provvedere entro 6 mesi dal giorno in cui avrebbe dovuto eseguire la lettura del gruppo di misura accessibile.

Quali sono le conseguenze in caso di mancata lettura dei contatori inaccessibili?

Quando un contatore è totalmente o parzialmente inaccessibile significa che occorre l'intervento del proprietario per consentire l'ingresso del distributore affinché provveda alla lettura.

In questi casi il distributore provvede a lasciare un avviso per invitare il consumatore a contattare il venditore e a comunicare un'autolettura. In caso di autolettura non andata a buon fine per due volte, e comunque in mancanza di una valida misurazione, il distributore deve riprovare ad invitare il consumatore nel mese successivo, considerando anche fasce orarie differenti.

Nonostante ciò e qualora non venisse rilevata una lettura valida il distributore comunica al venditore una stima sui consumi, sulla base dell'andamento risultante dalle letture precedenti che ha a disposizione.

Successivamente, il venditore si preoccuperà di informare il cliente finale, specificando le cause che hanno impedito la lettura. Questi dati si possono ricavare dalla prima bolletta utile nel caso in cui il cliente faccia parte del mercato di tutela. Altrimenti, se il cliente partecipa al mercato libero, sarà informato secondo le modalità che sono riportate nel contratto che ha sottoscritto.


Fonti: I contenuti pubblicati nel presente articolo sono liberamente reperiti online su portali d’informazione come arera.it, servizioelettriconazionale.it, facile.it, segugio.it, luce-gas.it, wikipedia.it, comparasemplice.it ed i principali organi d'informazione giornalistici.

Il presente testo è aggiornato al 20 settembre 2018.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.