DEFINIZIONE
Ciascuno dei punti virtuali (derivanti dall'aggregazione di più stacchi) di uscita dalla Rete Nazionale dei Gasdotti verso la corrispondente Area di Prelievo.
 



Il Punto di Uscita RN costituisce uno dei terminali esistenti sull'infrastruttura generale della Rete nazionale dei gasdotti in cui avviene il travaso dal sistema generale ai diversi impianti territoriali, oppure avviene l'uscita della materia prima verso impianti di stoccaggio o interconnessioni verso l'estero.

Il sistema della RN

La rete nazionale dei gasdotti è il complesso delle infrastrutture di trasporto del gas, così come definita dal Decreto Letta. La proprietà di questo sistema appartiene alla Società Gasdotti Italia, mentre la gestione, in forza delle norme che regolano l'attività di distribuzione è riservata all'ente Snam Rete Gas, che provvede alla gestione commerciale e alla verifica dei flussi in entrata ed in uscita. Dal punto di vista strutturale, il sistema così delineato risulta composto da metanodotti e impianti di verifica e produzione, oltre che dai relativi punti di interconnessione, in entrata e in uscita. Tralasciando la descrizione dettagliata delle diverse componenti strutturali che caratterizzano la RN, è importante sottolineare che l'infrastruttura principale è costituita dall'insieme dei metanodotti che permettono la distribuzione del gas naturale sull'intero territorio nazionale. All'interno di tale sistema è quindi possibile disegnare un flusso unidirezionale che prevede un insieme di punti di immissione (i cd. punti di entrata) e un insieme di punti in cui avviene la fuoriuscita della materia prima dal sistema nazionale (i cd. punti di uscita). In particolare, i punti di entrata sono costituiti dai diversi punti di interconnessione con i metanodotti esteri attraverso i quali avviene l'importazione, oppure dalle condutture che permettono l'ingresso nel sistema del gas derivante dagli impianti di rigassificazione o, infine, dai campi di produzione nazionale o dall'uscita dagli impianti di stoccaggio.

I punti di Uscita

Per quanto concerne i punti di uscita, invece, questi ultimi risultano costituiti da: - le aree di prelievo, che rappresentano i punti in cui avviene l'immissione della materia prima all'interno della rete di distribuzione secondaria e che possono essere rappresentate, per ciascuna area territoriale considerata, come l'insieme dei punti di riconsegna che caratterizzano un determinato ambito della rete di distribuzione regionale; - i punti di interconnessione con l'estero con i quali avviene l'esportazione della materia prima: si tratta dei metanodotti che presentano collegamenti con impianti esteri o con impianti che permettono il trasporto della materia prima verso altre zone non coperte dalla rete nazionale (come accade per la Sardegna e le isole minori); - i punti di uscita verso gli impianti di stoccaggio: in questo caso la fuoriuscita di materia prima dalla rete nazionale di distribuzione non comporta il coinvolgimento di altri soggetti distributori, ma determina il trasferimento del gas alle imprese di stoccaggio, che provvedono a conservare le riserve secondo appositi piani di accumulo, secondo le disposizioni vigenti e secondo gli specifici accordi (solitamente declinati sulla base di procedure concorsuali) esistenti tra l'impresa di distribuzione e le singole imprese di stoccaggio. In ciascun punto di uscita, la società che si occupa della gestione della rete nazionale è tenuta ad assicurare il monitoraggio della capacità di trasporto, mediante l'approvazione di specifiche regole tecniche con il proprio Codice di Rete. In particolare, la capacità di trasporto presso i punti di uscita di esportazione è rappresentata dalla capacità massima che può essere fornita per questo tipo di distribuzione. Viceversa, la capacità di trasporto dell'uscita ai fini di stoccaggio rappresenta il quantitativo per giorno-gas di materia che può essere avviata verso i singoli impianti di accumulo. Infine, la capacità di trasporto verso le aree di prelievo è rappresentata dalla somma delle capacità dei singoli punti di uscita presenti negli allacci con la rete di distribuzione regionale.

Le aree di prelievo

Come si può immaginare, la principale categoria di punti di uscita è rappresentata da quelli che coincidono con le aree di prelievo. Si tratta, in altri termini, dei punti di collegamento che permettono il travaso della materia prima dalla rete di distribuzione nazionale (RN) alle singole reti di trasporto regionale (RR): queste ultime non sono altro che la porzione dei metanodotti non inclusi all'interno della rete nazionale, aventi la funzione di distribuire il gas naturale presso i singoli ambiti territoriali, solitamente limitati su base regionale. In questo modo, la materia prima uscita dalla rete nazionale viene indirizzata, all'interno di ciascuna area di prelievo, fino ai punti di riconsegna: questi a loro volta costituiscono i punti fisici di uscita dalla rete del trasportatore finale. Per esemplificare, si tratta dei punti di uscita che permettono il trasporto agli utenti finali o presso le interconnessioni con un nuovo allaccio alla rete di distribuzione nazionale.

N.B. Fonti: I contenuti pubblicati nel presente articolo sono liberamente reperiti online su portali d'informazione come arera.it, servizioelettriconazionale.it ed i principali organi d'informazione giornalistici.

Il presente documento è aggiornato al 30 novembre 2018.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.