DEFINIZIONE
Il mercato del gas in Italia si articola in cinque fasi fondamentali: approvvigionamento, trasporto, stoccaggio e dispacciamento, distribuzione e vendita.
 


Come si articola il mercato del gas

Quando si parla di mercato del gas , si intendono una serie di passaggi che permettono, agli attori principali della filiera, di vendere il gas ai clienti, siano essi cittadini, aziende private o enti pubblici. In Italia, il mercato del gas prevede cinque step. Il primo è l'approvvigionamento, durante il quale si ha l'estrazione o l'importazione del gas; il secondo è il trasporto che permette al gas di passare dall'area di estrazione o importazione alla rete regionale. Il terzo step è lo stoccaggio, che assicura le scorte di gas in casi di picchi di richiesta. Durante il quarto è prevista la distribuzione del gas e, infine, si arriva al quinto step, quello della vendita. Di seguito, si riporta un maggiore approfondimento sulla filiera del gas, che permetterà di comprendere quale sia il percorso del gas che viene utilizzato quotidianamente a casa, in cucina o per gli impianti di riscaldamento.

L'approvvigionamento

L'approvvigionamento rappresenta il primo passaggio della filiera. Parlare di approvvigionamento significa prendere in considerazione sia la parte di gas estratto su territorio italiano che di quello importato. Il rapporto tra i due è ampiamente a favore del gas importato, che copre il 90% circa delle necessità della nazione mentre solo il 10% circa deriva da estrazione su territorio italiano. L'importazione avviene soprattutto tramite gasdotti anche se una parte viene trasportata via nave in forma di GNL (Gas Naturale Liquefatto). Questo viene poi gassificato tramite processi chimici prima di essere trasportato attraverso la rete.

Il trasporto

I gasdotti italiani sono, per oltre il 90% della loro estensione, di proprietà della Snam Rete Gas. Il motivo per cui questa società detiene la maggior parte dei condotti per il trasporto del gas è in parte storico, derivante cioè dai vecchi monopoli, in parte economico: costruire dei gasdotti, infatti, è estremamente costoso. Il trasporto del gas avviene tramite due principali reti, ossia la rete nazionale e quella regionale.

Lo stoccaggio

In casi di necessità, quando cioè si verificano periodi particolarmente freddi e vi è maggiore esigenza di gas per il riscaldamento, si possono verificare delle maggiori richieste di gas. Per rispondere a richieste di gas improvvise e superiori alla norma viene utilizzato il gas stoccato, ossia una quantità di gas che viene conservata appositamente per fare fronte alle emergenze.

Il dispacciamento

Il dispacciamento del gas è un particolare passaggio della filiera che permette una corretta organizzazione della rete che potrà in tal modo assicurare un corretto bilanciamento tra le domande e le offerte. Solo un corretto dispacciamento permetterà di assicurare una totale copertura del servizio, ossia la corretta distribuzione del gas ai consumatori.

Distribuzione e vendita

Questi due passaggi sono strettamente collegati perché si intersecano tra di loro. La filiera del gas, infatti, prevede dapprima un passaggio di vendita all'ingrosso, successivamente uno step di distribuzione e poi una successiva vendita, questa volta al dettaglio.

Vendita all'ingrosso: in questa fase, il gas viene acquistato dai produttori o dagli importatori. L'acquisto viene effettuato dagli shipper, che possono poi rivenderlo seguendo due strade. La prima è quella di una vendita diretta a particolari clienti, ossia industrie o centrali termoelettriche che acquistano il gas all'ingrosso. La seconda è quella di una vendita a società che, a loro volta, si preoccuperanno di vendere il gas al dettaglio ai privati.

Distribuzione: quando le società di vendita del gas al dettaglio acquistano il gas dagli shipper, devono poi assicurarsi che questo arrivi ai clienti. Il trasporto al cliente avviene tramite gasdotti locali, gestiti dai distributori del gas. Le società di distribuzione e di vendita sono differenti: le prime, oltre ad assicurare il trasporto del gas al cliente, gestiscono anche i contatori.

Vendita al dettaglio: La vendita al dettaglio viene fatta dalle società che hanno acquistato il gas dagli shipper. Grazie alla liberalizzazione del mercato dell'energia, i clienti possono scegliere a quale azienda rivolgersi per acquistare il gas al dettaglio e possono cambiare in qualsiasi momento il proprio venditore se un altro venditore propone tariffe più convenienti alle proprie necessità e consumi.

Sorgenia

Una delle protagoniste delle vendite del gas al dettaglio è Sorgenia. Si tratta di una società che dal 1999 opera sul territorio italiano proponendo interessanti tariffe per l'acquisto del gas sia alle aziende che ai clienti residenziali. Per questi ultimi, in particolare, va evidenziata la convenienza delle proposte attivabili esclusivamente in rete.

N.B. Fonti: I contenuti pubblicati nel presente articolo sono liberamente reperiti online su portali d’informazione come arera.it, servizioelettriconazionale.it, wikipedia.it ed i principali organi d'informazione giornalistici.

Il presente documento è aggiornato all'11 ottobre 2018.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.