Per quanto riguarda le scelte relative alla fornitura di energia elettrica e gas, è consigliabile valutare tutte le offerte disponibili, al fine di selezionare l’operatore in grado di proporre le condizioni più vantaggiose. Grazie alla presenza del libero mercato, è semplice cambiare operatore : è sufficiente stipulare un contratto di fornitura con la compagnia prescelta e sarà cura di quest’ultima comunicare il subentro alla vecchia azienda fornitrice, la quale dovrà – entro un termine stabilito – interrompere l’erogazione di luce elettrica o gas a favore della compagnia subentrante. Il momento del cambio gestore deve essere gestito con intelligenza: per far sì che diventi un’occasione di risparmio, occorre valutare tutte le opzioni disponibili, sia in termini di costo che per quanto riguarda le condizioni contrattuali e di fornitura, oltre alle modalità di fatturazione e di pagamento. La maggior parte delle compagnie fa proposte convenienti per i nuovi clienti. Sorgenia, ad esempio, rinnova con frequenza le proprie offerte: esplorando il sito dell’azienda, è possibile capire quali sono le condizioni per ottenere sconti e buoni omaggio.

In ogni caso, perché la valutazione risulti corretta e aderente alle proprie esigenze, diventa anche indispensabile considerare le proprie abitudini riguardo al consumo di energia elettrica e gas. Il modo migliore per fare una ricerca che permetta di verificare tutte le offerte disponibili sul mercato passa senza dubbio dall’utilizzo di Internet. La procedura da fare è duplice: da una parte è utile far uso dei tanti siti specializzati nel confronto delle condizioni promosse dalle varie compagnie. Spesso ci sono dei campi da compilare, in cui si richiedono i consumi medi, il numero di persone che abitano in casa, la potenza dell’impianto elettrico, i metri quadri della casa: queste informazioni, o altre simili che possono essere richieste, servono per fornire dei preventivi che siano quanto più aderenti alle reali abitudini del cliente. In questo modo sarà possibile avere una prima panoramica, piuttosto precisa, della situazione. Una volta individuate le compagnie che meglio rispondono alle nostre aspettative, è però sempre consigliabile fare un ulteriore passaggio, visitando direttamente i siti aziendali, così da poter verificare nel dettaglio tutti gli aspetti relativi alla fornitura.

Informarsi bene prima di cambiare operatore riveste un’importanza fondamentale: occorre valutare l’affidabilità della compagnia e il prezzo proposto a metro cubo per il gas e a KW per l’energia elettrica. Questi però non sono gli unici elementi da considerare, perché sono anche altri i fattori che possono incidere, anche in maniera rilevante, sul costo finale delle bollette. Bisogna quindi sempre controllare quali siano i costi di fornitura, per poi confrontarli con quelli delle altre compagnie concorrenti, e quali siano le modalità di pagamento previste, per valutare se corrispondono ai nostri bisogni. Inoltre, è bene verificare se sia prevista l’opzione relativa alla fatturazione elettronica, perché scegliendo questa modalità di ricezione del documento fiscale, sarà possibile risparmiare sull’invio della bolletta per posta tradizionale. Infine, quali sono i costi aggiuntivi, nel caso si sorpassi un’eventuale soglia massima di consumo, che può essere stata stabilita in fase contrattuale? Si tratta di elementi importanti da valutare con attenzione, per non correre il rischio di avere brutte sorprese in bolletta.
 

Prezzo fisso o indicizzato?
 

Ancora, occorre anche fare una scelta tra prezzo bloccato e prezzo oscillante in base all’andamento del costo dei carburanti sul mercato globale. Questa è una valutazione da fare sulla base dei dati disponibili al momento della stipula del contratto. Qualora si ravvisi la probabilità che i prezzi vadano incontro a un aumento, allora scegliere il prezzo bloccato può risultare conveniente.

C’è un altro fattore che deve essere verificato con estrema attenzione, prima di sottoscrivere un contratto di fornitura con un nuovo operatore: si tratta delle condizioni generali previste dal contratto. Bisogna sempre controllare eventuali costi di attivazione o di cessazione, oltre alla presenza di eventuali vincoli temporali. In certi casi, infatti, le compagnie possono prevedere un costo di attivazione che non viene fatto pagare nel caso il cliente permanga con la compagnia per un periodo minimo di tempo. Il costo, però, può essere addebitato se il contratto viene interrotto prima della scadenza del vincolo: le condizioni possono risultare in ogni caso convenienti, ma anche questo è un elemento da non trascurare e di cui tenere conto nel momento in cui si decide di cambiare operatore per la fornitura di energia elettrica o gas.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.