DEFINIZIONE
Un impianto fotovoltaico è un impianto elettrico che sfrutta l'energia solare per produrre energia elettrica mediante effetto fotovoltaico. Gli impianti fotovoltaici sono generalmente suddivisi in due grandi famiglie: impianti ad isola, o stand-alone, e impianti connessi alla rete, o grid-connected.
 



L'impianto fotovoltaico è un particolare sistema che, sfruttando i raggi solari, genera corrente elettrica continua. Una volta che i raggi solari vengono trasformati in energia alternata, per mezzo di un inverter, quest'ultima può essere sfruttata per alimentare elettrodomestici e dispositivi presenti nella nostra abitazione. Tra i principali vantaggi nell'installazione di un impianto fotovoltaico c'è un considerevole risparmio di corrente elettrica, grazie all'energia autoprodotta dall'impianto, e vantaggi di tipo ambientale come la riduzione delle emissioni inquinanti. Tra l'altro occorre ricordare che non contenendo parti meccaniche necessita di limitati interventi di manutenzione, basta pensare che in circa 25 anni richiede solo la sostituzione dell'inverter e altri minimi interventi di manutenzione di carattere ordinario. Quando ci si avvicina al mondo degli impianti fotovoltaici perché si è interessati ad acquistarne uno si comprende, sin da subito, che la scelta sarà molto più ardua di quanto inizialmente appare e tutto ciò avviene perché occorre prendere in considerazione una serie di elementi tra cui l'esposizione al sole della propria abitazione e i vari modelli di impianti e pannelli presenti sul mercato.

I vari tipi di impianti fotovoltaici

Seppure è vero che i pannelli degli impianti fotovoltaici sono tutti progettati e realizzati in cristalli di silicio è anche vero che sul mercato ne esistono vari modelli: - impianti con pannelli fotovoltaici monocristallini costituiti da celle omogenee di silicio tagliati da panetti ricavati in natura che, seppure offrono un maggiore rendimento in termini di produzione di energia elettrica, sono maggiormente sensibili e di conseguenza sono idonei ad essere installati in quelle zone in cui non esistono sbalzi considerevoli delle temperature; - impianti con pannelli fotovoltaici policristallini costituiti dagli scarti derivanti dal taglio dei panetti monocristallini. Sono maggiormente resistenti agli sbalzi di temperatura e quindi sono perfetti per essere installati in quelle zone con temperature rigide. Offrono delle prestazioni simili agli impianti con pannelli fotovoltaici monocristallini, ma prevedono dei costi molto più contenuti; - impianti con pannelli fotovoltaici in film sottile costituiti da tanti strati sottilissimi di silicio; - impianti con pannelli fotovoltaici in silicio amorfo costituititi da una piastra di silicio completamente priva di forma, ma trattata chimicamente per aumentarne la conduttività. Tra i vari modelli questo è decisamente il più economico, ma anche quello con il minor rendimento in termini di prestazioni.

Dove viene installato un impianto fotovoltaico

Nel momento in cui si decide di installare un impianto fotovoltaico ciò che deve essere preso in considerazione è l'esposizione al sole. Nella maggior parte dei casi quindi si decide di installare l'impianto sul tetto della propria abitazione, tenendo conto però di una serie di caratteristiche dello stesso. Le prime di natura strutturale e cioè l'idoneità del tetto a sostenere il peso dei pannelli stessi e poi l'inclinazione di quest'ultimo e quindi la sua esposizione e la capacità di assorbire le radiazioni solari. Altra possibilità è quella di installare l'impianto fotovoltaico integrandolo nel tetto stesso. Le due soluzioni precedentemente elencate sono quelle più frequenti ma c'è anche la possibilità di installare i pannelli: - sulla facciata esterna dell'abitazione; - sul terrazzo o balcone. Infine occorre ricordare che lo spazio necessario per l'installazione di un impianto può essere di dieci o venticinque metri quadri per ogni kw, a seconda che l'installazione avvenga su un tetto a falda o su uno inclinato.

L' impianto fotovoltaico è un particolare sistema che, sfruttando i raggi solari, genera corrente elettrica continua. Una volta che i raggi solari vengono trasformati in energia alternata, per mezzo di un inverter, quest'ultima può essere sfruttata per alimentare elettrodomestici e dispositivi presenti nella nostra abitazione. Tra i principali vantaggi nell'installazione di un impianto fotovoltaico c'è un considerevole risparmio di corrente elettrica, grazie all'energia autoprodotta dall'impianto, e vantaggi di tipo ambientale come la riduzione delle emissioni inquinanti. Tra l'altro occorre ricordare che non contenendo parti meccaniche necessita di limitati interventi di manutenzione, basta pensare che in circa 25 anni richiede solo la sostituzione dell'inverter e altri minimi interventi di manutenzione di carattere ordinario. Quando ci si avvicina al mondo degli impianti fotovoltaici perché si è interessati ad acquistarne uno si comprende, sin da subito, che la scelta sarà molto più ardua di quanto inizialmente appare e tutto ciò avviene perché occorre prendere in considerazione una serie di elementi tra cui l'esposizione al sole della propria abitazione e i vari modelli di impianti e pannelli presenti sul mercato.

I vari tipi di impianti fotovoltaici

Seppure è vero che i pannelli degli impianti fotovoltaici sono tutti progettati e realizzati in cristalli di silicio è anche vero che sul mercato ne esistono vari modelli: - impianti con pannelli fotovoltaici monocristallini costituiti da celle omogenee di silicio tagliati da panetti ricavati in natura che, seppure offrono un maggiore rendimento in termini di produzione di energia elettrica, sono maggiormente sensibili e di conseguenza sono idonei ad essere installati in quelle zone in cui non esistono sbalzi considerevoli delle temperature; - impianti con pannelli fotovoltaici policristallini costituiti dagli scarti derivanti dal taglio dei panetti monocristallini. Sono maggiormente resistenti agli sbalzi di temperatura e quindi sono perfetti per essere installati in quelle zone con temperature rigide. Offrono delle prestazioni simili agli impianti con pannelli fotovoltaici monocristallini, ma prevedono dei costi molto più contenuti; - impianti con pannelli fotovoltaici in film sottile costituiti da tanti strati sottilissimi di silicio; - impianti con pannelli fotovoltaici in silicio amorfo costituititi da una piastra di silicio completamente priva di forma, ma trattata chimicamente per aumentarne la conduttività. Tra i vari modelli questo è decisamente il più economico, ma anche quello con il minor rendimento in termini di prestazioni.

Dove viene installato un impianto fotovoltaico

Nel momento in cui si decide di installare un impianto fotovoltaico ciò che deve essere preso in considerazione è l'esposizione al sole. Nella maggior parte dei casi quindi si decide di installare l'impianto sul tetto della propria abitazione, tenendo conto però di una serie di caratteristiche dello stesso. Le prime di natura strutturale e cioè l'idoneità del tetto a sostenere il peso dei pannelli stessi e poi l'inclinazione di quest'ultimo e quindi la sua esposizione e la capacità di assorbire le radiazioni solari. Altra possibilità è quella di installare l'impianto fotovoltaico integrandolo nel tetto stesso. Le due soluzioni precedentemente elencate sono quelle più frequenti ma c'è anche la possibilità di installare i pannelli: - sulla facciata esterna dell'abitazione; - sul terrazzo o balcone. Infine occorre ricordare che lo spazio necessario per l'installazione di un impianto può essere di dieci o venticinque metri quadri per ogni kw, a seconda che l'installazione avvenga su un tetto a falda o su uno inclinato.

Fonti: I contenuti pubblicati nel presente articolo sono liberamente reperiti online su portali d’informazione come arera.it, servizioelettriconazionale.it, facile.it, segugio.it, luce-gas.it, wikipedia.it, comparasemplice.it ed i principali organi d'informazione giornalistici.

Il presente documento è aggiornato al 20 settembre 2018.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.