DEFINIZIONE
È il coefficiente che converte il consumo misurato dal contatore, espresso in metri cubi, nell’unità di misura utilizzata per la fatturazione, cioè gli Standard metri cubi. Il coefficiente di conversione C è necessario poiché il volume di una medesima quantità di gas, e quindi il medesimo contenuto di energia, dipende dalla pressione e dalla temperatura a cui tale quantità viene consegnata. Ad esempio, la stessa quantità di gas occupa un volume diverso a seconda che venga consegnato in una località di mare o di montagna. Per fare in modo che tutti i clienti paghino lo stesso importo a parità di energia consumata è necessario effettuare questa conversione: ad esempio, se il consumo misurato dal contatore è pari a 110 mc ed il valore del coefficiente C è 1,027235, allora i metri cubi standard fatturati saranno: 110 x 1,027235= 112,99585 Smc.
 



Cos'è il coefficiente di conversione

Il gas effettivamente consumato non sempre corrisponde alla quantità indicata dal contatore. In alcuni casi è infatti necessario operare una conversione. Le quantità di gas fornito per gli usi domestici vengono solitamente misurate in metri cubi, che è un'unità di misura di volume. Il gas però si espande o si comprime in base a determinati fattori come la pressione atmosferica e la temperatura. Questo significa che un metro cubo di gas, al variare delle condizioni, può contenere una massa o quantità di gas diversa. A scopi commerciali è necessario chiarire bene quindi cosa si intende per metro cubo e identificare univocamente la quantità di gas contenuta in questo volume. Il coefficiente di conversione , detto anche coefficiente C , converte il consumo misurato dal contatore in metri cubi standard, che sono l'unità di misura su cui si basa la fatturazione in bolletta.

Quanto gas contiene un metro cubo

Al livello del mare un metro cubo contiene una quantità maggiore di gas che in montagna, perché la pressione atmosferica è maggiore. Nella stessa località un metro cubo conterrà meno prodotto in estate, perché il calore fa espandere il gas, che in inverno. Visto che il metro cubo indica semplicemente il volume di gas, ma non la sua densità, è stato necessario definire il metro cubo standard, che contiene una quantità ben precisa di gas. L'introduzione del metro cubo standard e del coefficiente C si sono rese necessarie a causa del fatto che utenti posti in località diverse, a parità di metri cubi consumati, ottengono più o meno energia, perché il gas contenuto in metro cubo acquistato è più denso o più rarefatto a seconda delle condizioni climatiche e di pressione. Solo in questo modo tutti i clienti possono pagare la stessa tariffa per la stessa quantità di gas ricevuta, altrimenti chi vive in montagna riceverebbe metri cubi più leggeri, pagandoli alla stessa tariffa di chi vive in pianura. Persone che risiedono in zone diverse consumano quindi volumi diversi di gas, a parità di energia ottenuta. Per evitare che alcuni clienti siano economicamente avvantaggiati rispetto ad altri, è necessario convertire il volume di gas in un'unità di misura standard.

Come calcolare il consumo in bolletta

Il metro cubo standard corrisponde ad un metro cubo di gas misurato ad una temperatura di 15 gradi e alla pressione di 1.013,25 millibar. Per ottenere i metri cubi standard effettivamente consumati è necessario moltiplicare la cifra letta sul contatore per il coefficiente di conversione C. Quest'ultimo è calcolato per ogni località in base a criteri molto precisi, fra cui l'altitudine e la zona climatica. Il coefficiente C è riportato su tutte le bollette del gas, generalmente nella prima pagina. In questo modo ognuno può verificare la correttezza della propria fattura, emessa in metri cubi standard, rispetto all'autolettura del contatore.

Fonti: I contenuti pubblicati nel presente articolo sono liberamente reperiti online su portali d’informazione come arera.it, servizioelettriconazionale.it, facile.it, segugio.it, luce-gas.it, wikipedia.it, comparasemplice.it ed i principali organi d'informazione giornalistici.

Il presente documento è aggiornato al 25 settembre 2018.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.