Come ottenere l'APE (Attestato di Prestazione Energetica)

L' Attestato di Prestazione Energetica è un documento obbligatorio che deve essere fatto redigere dai proprietari degli immobili. Esso deve essere presentato per legge ogni volta che si procede a un atto di compra-vendita o di locazione, sia se l'appartamento viene venduto o affittato privatamente sia che si passi tramite agenzia. Una volta effettuato, esso ha la durata di dieci anni, purché non si effettuino interventi di riqualificazione energetica all'interno dell'appartamento. In tal caso, infatti, si dovrà procedere con la richiesta di una nuova certificazione atta a definire la classe energetica dell'immobile dopo gli interventi. Per richiedere l'APE è necessario rivolgersi a una figura specializzata, ossia il certificatore energetico. I nominativi dei tecnici abilitati a tale ruolo possono essere richiesti presso la propria regione di residenza, ossia presso il comune dell'immobile da certificare. I certificatori energetici, infatti, sono tecnici specializzati accreditati dalle Regioni: si tratta di ingegneri, geometri o architetti che hanno superato un esame per l'abilitazione specifica in tale ruolo.
 

Come avviene il rilascio dell'APE
 

Per poter redigere un Attestato di Prestazione Energetica è obbligatorio il sopralluogo del tecnico presso l'appartamento in questione. Infatti, il certificatore dovrà effettuare una serie di indagini, al fine di valutare le caratteristiche strutturali dell'immobile stesso. Saranno quindi presi in considerazione diversi parametri, tra cui la qualità degli infissi, il tipo di caldaia e la sua efficienza energetica, la presenza di impianti di auto-produzione di energia, l'esposizione e altro. Tutti questi elementi, saranno valutati in maniera univoca, seguendo direttive ben precise e uguali in tutta Italia. L'utilizzo di software specifici permetterà una rapida realizzazione del certificato, derivante dall'elaborazione dei dati inseriti dal certificatore. Una volta redatto, il certificato va conservato con cura, essendo un documento ufficiale: esso dovrebbe essere sempre conservato dal proprietario dell'immobile insieme a tutta la documentazione relativa all'immobile stesso. Inoltre, una copia dell'APE in formato elettronico deve essere inviata anche al registro informatico regionale. Questo passaggio viene effettuato direttamente dal certificatore. Va sottolineato che, oltre ad effettuare le diverse misure relative alla dispersione di calore e quindi all'efficienza energetica dell'appartamento, per completare un APE sono necessari anche i dati del proprietario e le caratteristiche tecniche dell'appartamento stesso, dalla documentazione catastale all'anno di costruzione dell'immobile. Questi ultimi, infatti, permetteranno di effettuare valutazioni più accurate e, soprattutto, rappresentano importanti informazioni da prendere in considerazione quando si inseriscono i dati all'interno del software di elaborazione.
 

Quanto costa far redigere l'APE
 

I costi per il certificato energetico del proprio immobile possono essere variabili a seconda delle zone d'Italia. I costi medi, tuttavia, si aggirano intorno ai 150 euro, con picchi mi massimo che si registrano soprattutto nelle regioni del Nord e minimi al Sud. Va sottolineato che la differenza di prezzo tra le varie città e regioni non è dovuta a un differente modo di procedere con il sopralluogo per la valutazione energetica dell'appartamento, ma solo a differenti prezzi di mercato. La modalità per redigere l'APE, infatti, è unica per tutta l'Italia. Va inoltre ricordato che la certificazione energetica può essere rilasciata solo da tecnici specializzati e iscritti all'interno di un apposito registro regionale e che il sopralluogo è obbligatorio. Bisogna quindi diffidare da quanti pubblicizzano la possibilità di effettuare l'APE online o tramite valutazione telefonica. Prima di procedere con la richiesta, quindi, può essere conveniente richiedere più preventivi, in modo da valutare i prezzi medi della propria zona di residenza. Inoltre, è importante assicurarsi che il preventivo sia chiaro e dettagliato, ossia riporti tutti i prezzi comprensivi di IVA e che definiscano bene quali siano gli interventi e le misurazioni obbligatori e quali quelli facoltativi.
 

Oltre l'obbligo: perché conviene richiedere l'APE
 

Anche se l'APE è obbligatorio per legge, soprattutto in caso di compra-vendita dell'immobile, non bisogna credere che esso non sia un elemento utile nel quotidiano. Conoscere quale sia il grado di efficienza energetica dell'appartamento in cui si vive, infatti, permette di valutare al meglio la possibilità di ridurre i consumi. Inoltre, offre la possibilità di scegliere le modalità di riscaldamento o refrigerio visto che, alcuni modelli, sono altamente indicati per determinate classi energetiche e non per altre.

Sorgenia è attivamente impegnata nel continuo lavoro di aggiornamento dei contenuti di questa pagina. Qualora uno qualsiasi dei testi, informazioni, dati pubblicati e collegamenti ad altri siti Web risultino inaccurati, incompleti o non aggiornati, si ricorda ai lettori che il contenuto esiste unicamente a scopo informativo e non ha natura di comunicazione ufficiale. Sorgenia non è responsabile per errori o omissioni di alcun tipo o per qualsiasi danno diretto, indiretto o accidentale che possa derivare dall'accesso o dall'uso di informazioni pubblicate sul sito Web oppure dall'accesso o dall'uso di qualsiasi materiale trovato in altri siti Web. Le informazioni possono essere verificate e approfondite sul sito web dell'Autorità di regolazione http://www.arera.it. Prima di sottoscrivere un'offerta si invita a leggere attentamente le condizioni contrattuali ed economiche delle singole offerte commerciali per verificarne l'attualità e la convenienza in relazione alle proprie personali esigenze.